La Cgia: L’autonomia piace alle regioni del Nord, versano più di quanto ricevono. La questione aperta del residuo fiscale

Sebbene sia molto complesso misurarlo, anche perché esistono diverse metodologie per calcolarlo, gli ultimi dati disponibili sul ‘residuo fiscale’ evidenziano come nel rapporto dare-avere tra lo Stato centrale e i territori la gran parte delle regioni del Nord presentino un valore negativo. In altri termini, ‘devolvono’ in solidarietà agli altri territori e al bilancio pubblico più di quanto ricevono dal centro. È quanto emerge dal focus della CGIA di Mestre in merito all’Autonomia. Considerando le tre ipotesi elaborate dalla Banca d’Italia, in quella meno “onerosa” economicamente per le regioni virtuose emerge che, nel 2019, ciascun abitante di Veneto, Emilia Romagna e Lombardia – vale a dire le Regioni che hanno già firmato un patto con l’Esecutivo per ottenere l’autonomia differenziata…

Continua a leggere
Iscriviti alla Newsletter de LINDIPENDENZANUOVA.COM

PETIZIONE POPOLARE PENSIONI E DIRITTI

22 ottobre 2017 Referendum.
Aspettiamo l'autonomia da

Archivio

Cosa prevede il ddl Autonomia

Il disegno di legge sull’ Autonomia differenziata nominare che l’attribuzione delle risorse corrispondenti alle funzioni oggetto di conferimento sara’ determinata da una Commissione paritetica Stato-regione, che procedera’…


Umberto Bossi - Dichiarazione di indipendenza della Padania

Gli smemorati dell’autonomia

di Cassandra – “Ha fatto più Calderoli in 90 giorni sull’Autonomia che qualche chiacchierone in cinque anni. Conviene a tutti l’autonomia, da nord a sud,…