Cittadinanza o nazionalità? Fa una bella differenza

di GIORGIO BURIN – Immaginate di vedere un gruppo di persone, di differenti etnie, eseguire una danza, una serie di gesti, magari strani o addirittura ridicoli se presi singolarmente.

Il fascino di questa danza consiste nell’essere eseguita in perfetta sintonia, tanto che l’occhio si stacca da questo o quello e coglie solo il gruppo. Questa è una splendida prova di Nazionalità, è l’affermazione di un qualcosa di superiore che accomuna tutti con tale forza e orgoglio da divenire magico. Si definisce

Nazionalità :

The New Zealand's All Blacks perform the "Haka" before the start of their International Rugby Union match against Scotland at Murrayfield in Edinburgh on November 11, 2012. New Zealand won the match 51-22. AFP PHOTO / IAN MACNICOL (Photo credit should read Ian MacNicol/AFP/Getty Images)il legame che collega un individuo a un gruppo, considerato da alcuni come naturale, può coincidere o meno con lo Stato.

La nazionalità definisce quindi  l’appartenenza o il sentimento di appartenenza a una comunità per lingua, cultura, tradizione, religione, storia.

Cittadinanza 01Immaginiamo adesso che per strane vicende della storia, un gruppo di individui si ritrovi con la comune appartenenza ad uno stato nei cui valori si identifica a fatica, nonostante la martellante propaganda. Ecco, quello che li accomuna, al di sotto della patina di superficie è un codice di leggi. Queste persone avranno la stessa cittadinanza.

Di più, la cittadinanza può essere chiesta, e ottenuta, da individui che trovinoCittadinanza 02 semplicemente conveniente averla, senza minimamente essere disposti a cambiare lo stile di vita che avevano prima di acquisire la cittadinanza stessa.

In questo caso la cittadinanza rappresenta solo interesse economico o sociale. I tragici recenti fatti di Parigi ci indicano che la cittadinanza non ha, in sé, nessuna garanzia di volontà di formare una Nazione, cioè di integrarsi a un vivere comune. Per definizione la

Cittadinanza :

può essere vista come uno status del cittadino ma anche come un rapporto giuridico tra cittadino e Stato, nulla più.

Concludendo :

Questi concetti, apparentemente semplici, sono sconosciuti alla maggior parte delle persone i quali, anche a causa di una cultura dominante che trae profitto dalla confusione, considerano i termini Cittadinanza e Nazionalità come sinonimi.

Nella Dichiarazione dei Diritti universali dell’Uomo, l’ONU è invece molto chiaro nel distinguere le due cose secondo quanto abbiamo riportato sopra.

Analizzeremo in un prossimo articolo le implicazioni di queste differenze nella situazione italiana e nella percezione di appartenenza all’Italia delle persone che vi abitano.

(per gentile concessione dell’autore, da vivereveneto.com)

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Quando c'erano i "Forconi". Non si fa la rivoluzione col Tricolore, infatti...

Articolo successivo

Sveglia! La Lombardia ha un credito fiscale di 50 miliardi e fa l'elemosina di 50 milioni per rifare le strade