Zaia: quello sull’indipendenza non è referendum della Lega

di REDAZIONE

”Questo non e’ il referendum della Lega, io ne ho fatto un cavallo di battaglia per l’istanza in se stessa”. Cosi’ Luca Zaia, governatore del Veneto, sul referendum consultivo per l’indipendenza. Il consiglio regionale, la settimana scorsa, ha deciso di rinviare il tema in Commissione. A favore del rinvio ha votato anche il Pdl, partito di maggioranza.

”Io sostengo sempre e comunque le proposte referendarie, ho votato ai referendum contro i dettami del mio partito, ho sottoscritto anche i referendum del partito radicale. Nel nostro caso – ha spiegato Zaia – si pone solo una questione: chiediamo ai veneti che cosa pensano dell’indipendenza, quindi nessun assalto alla Costituzione. Il referendum, peraltro, non fa parte del programma di governo”. Zaia ha quindi precisato: ”Non condivido gli insulti rivolti anche a chi ha votato il rinvio in commissione.

Devono essere rispettate tutte le posizioni. Il fatto che a me non vada bene non mi legittima ad insultare chi non la pensa cosi”. Secondo il presidente della Regione Veneto, anche in presenza di un eventuale no, resterebbero apertii contesti di autonomia, federalismo ed altri ancora che sono oggi irrisolti.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Quelli del Pdl: eliminate i dirigenti di Trieste Libera

Articolo successivo

Maroni: Bossi non è un problema, sceglierà il "popolo sovrano"