Viva San Marco, io oggi sarò a Venezia

di ALEX STORTI

Oggi sarò a San Marco, a Venezia. Sarò in quella Piazza in cui, secondo lo stato italiano, non dovrebbero sventolare le bandiere con il Leone. E invece ne sventoleranno migliaia, oggi, e fra quelle ci sarà anche la mia.

Io sono milanese, non sono veneto. Ma per solidarietà politica e dedizione culturale sarò a Venezia, a testa alta, come tutti gli altri che parteciperanno a questa grande Festa di Liberazione.

Sarò a Venezia perchè siamo nel 2014, non nel 1914, e sarà bene che nelle cancellerie d’Europa questo semplice concetto, quasi matematico, venga recepito in fretta. Sono passati 100 anni da quando milioni di giovani vennero mandati al macello per rivendicare il possesso di questo o di quel pezzo di terra. In questo secolo ne abbiamo viste di tutti i colori, da parte degli stati nazionali ottocenteschi, con una costante: tracciare i confini col sangue e a colpi di baionette. Questa follia deve finire e… CONTINUA A LEGGERE QUI.

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Sistema imprese in rosso: quasi 25mila aziende in meno nel primo trimestre

Articolo successivo

Non versa Iva per 320mila euro: assolto per "circostanze eccezionali"