VIVA SAN MARCO, DA NAPOLEONE A OGGI VIGE IL DIVIETO

di ROSA CASSATA*

Iniziò Napoleone nel 1797 continuarono gli Austriaci quindi lo Stato unitario fino ai nostri giorni
“Chiunque griderà Viva San Marco… chiunque affiggerà o diffonderà stemmi di San Marco … sarà punito di morte.” Questa proibizione rimasta in vigore, sia pure senza pena di morte, sotto gli Austriaci e perpetuata dalla così detta Unità d’Italia, viene messa in atto ancora oggi dallo Stato “unitario” che si fa’ forte di leggi che risalgono al periodo fascista. E meno male che il 25 aprile è la festa della Liberazione! ma in realtà di cosa ci siamo liberati !? A mio avviso dobbiamo ancora riprenderci la nostra libertà negata da 150 anni di luride bugie. Il fatto che si voglia impedire una manifestazione religiosa perchè “organizzata da indipendentisti” mi sembra una scusa poco plausibile. Non è forse più plausibile un certo timore da parte delle “istituzioni” nel pensare che una Processione, antica tradizione della Serenissima, possa riportare i Veneziani al loro senso di appartenenza e all’orgoglio di Popolo?!
Serenisima Republica de Venezia” è il nome di uno Stato indipendente e “Viva San Marco!” è il suo grido di battaglia.
Il fortissimo attaccamento a San Marco che si identifica con la fede cristiana delle genti della Serenissima si è cercato e si cerca in tutti i modo di eliminarlo.
In uno Stato di fatto ma non di diritto la libera espressione di pensiero viene negata a tutti i livelli.
Questa è la paura di chi al potere sa che i popoli forti della loro storia e delle loro tradizioni possano autodeterminarsi e dire “noi non ci stiamo più!”.
Il 25 Aprile 2012 il Popolo della Serenissima e gli altri Popoli che interveranno alla Processione di San Marco in una festa multietnica e con i propri gonfaloni dimostreranno allo stato unitario che non esistono odi o pregiudizi tra i Popoli del Nord del Sud o delle Isole!
Questa è la nuova Primavera dei Popoli ! Questa è la paura dello Stato occupante!
Ki par mar ki par tera
Tuti łi Turki soto tera.
Pim, pum ! Viva San Marco

*Comitato Marciano per la Restaurazione della Processione di San Marco

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

QUANDO SI RESTRINGE IL DIRITTO ALL'AUTODETERMINAZIONE

Articolo successivo

SUICIDI IN CRESCITA E RETORICA SULL'EVASIONE FISCALE