EGREGIO DIRETTORE IO LE DICO: “VIVA LA NOSTRA PATRIA”

di REDAZIONE

RICEVIAMO, PUBBLICHIAMO E RISPONDIAMO

Egregio Direttore,

sin dal primo giorno leggo il Suo quotidiano, di cui sono venuto a conoscenza per via di una segnalazione di un amico, che come me – tanto per essere chiari sin da subito – non condivide l’idea che l’Italia possa essere divisa. Cercherò di spiegarle brevemente le ragioni per cui noi – maggioranza in questo Paese, riteniamo doveroso difendere i sacri confini nazionali. Non mi dilungherò molto in parole, ma le aggiungerò un bellissimo video, che ogni volta che guardo mi commuove sino a farmi venire la pelle d’oca.

Userò le parole di quel grande giornalista che è Aldo Cazzullo, che sul frontespizio del suo libro scrive, rivolgendosi alla Nostra Patria quanto segue: “Anche quando saremo lontani, vorrei che il mio amore fosse sempre con te, come un pensiero allegro in fondo alle giornate tristi […]. Attenta però a non dimenticarlo, a non lasciarlo chissà dove. Maneggialo con cura, il mio amore, quando lo porti in giro: bada a non urtare gli spigoli, proteggilo dalle chiacchiere indiscrete. Ricordati che il mio pensiero ti segue sempre, il mio cuore ti appartiene, e la mia anima è ovunque tu sia”.

Chissà se mai pubblicherete questa mia lettera. Comunque sia, Egregio Direttore, sappia che io, e tanti come me (voi rappresentate solo una minoranza, senza ragioni peraltro per dividere ciò che il ferro ed il fuoco hanno unito), “Viva l’Italia! Risorgimento e Resistenza: perché dobbiamo essere orgogliosi della nostra storia”.

Cordialmente

Franco Rossi

———————————————————————————————-

Spettabile signor Rossi (più italiano di così, effettivamente, cognome non v’era), come lei stesso vedrà la sua mail è stata pubblicata. Una sola cosa. Non le risponderò personalmente (dato che come la pensi io lo ha compreso dalla lettura del nostro quotidiano, e la ringrazio per questo), ma lascerò che a risponderle siano direttamente i nostri lettori, ai quali chiedo solo un accorgimento: considerato che il signor Rossi ha esposto le sue tesi con pacatezza, con altrettanta pacatezza vorrei gli si contestasse tanta retorica (dir.).

ECCO IL VIDEO SUGGERITO DAL LETTORE

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

EVASIONE, MA LO STATO NON E' LEALE COI CITTADINI

Articolo successivo

RIFORMA FEDERALE: LE TRE REPUBBLICHE DI MIGLIO