Via Iva su beni prima necessità? Il Codacons: Aspettiamo al varco, era nostra proposta

– “Se il balzo dell’inflazione costerà alle famiglie italiane 564 euro in più solo per la tavola nel 2022, come certificato da Coldiretti, si va aggravando una situazione già di per sé allarmante: in un contesto in cui le famiglie italiane già risparmiano sul cibo, questi aumenti pesano su tutti i consumatori, ma mettono in difficoltà soprattutto le persone con i redditi più bassi”. Lo dichiara la Codacons. “Proprio alla luce del fatto che l’inflazione continua a rappresentare la principale emergenza del Paese”, continua l’associazione dei consumatori, a gran voce avevamo chiesto al governo di inserire nel decreto l’abbattimento dell’Iva per i beni primari. Proposta, inaspettatamente, stralciata rispetto alle prime bozze e a quanto riportato dalla stampa solo pochi giorni fa. Eppure, l’azzeramento dell’Iva per beni primari come pane, pasta, olio e patate, e la riduzione dell’aliquota dal 10% al 5% su carne e pesce potrebbe rappresentare un aiuto concreto per le famiglie italiane, producendo un risparmio medio pari a circa 198 euro a famiglia: praticamente la stessa entità del bonus da 200 euro”. ”A questo punto, persa l’occasione di approvare la misura, non resta che aspettare il prossimo governo: chi ne farà parte dovrà intervenire con urgenza, tagliando subito l’Iva sui beni di prima necessità come gli alimentari”, conclude il Codacons.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Carlo & Matteo

Articolo successivo

Berlusconi, l'autonomia? Se non danneggia il meridione. Miei governi (con la Lega, ndr) quelli che hanno speso di più per il Sud