Via da questo Stato, in fuga il 50% in più per non morire italiani

immigrazione_UEdi REDAZIONE-Nell’ultimo decennio l’emigrazione italiana è cresciuta “notevolmente”, passando dai 3.106.251 iscritti all’Aire nel 2006 ai 4.636.647 iscritti nel 2015, per un incremento pari al 49,3%. Lo rileva il Rapporto Italiani nel mondo 2015 presentato  dalla Fondazione Migrantes. I paesi che accolgono le comunità di italiani più numerose – si legge nel Rapporto – sono quelli che mostrano anche le crescite più incisive nel decennio, come Argentina, Germania e Svizzera. Negli ultimi anni gli italiani si sono diretti prevalentemente in Spagna, Venezuela e, soprattutto dal 2013, in Irlanda, Cina ed Emirati Arabi. Secondo la Fondazione Migrantes sulla scelta degli italiani hanno inciso, probabilmente, le competenze lavorative e linguistiche specificatamente richieste da questi territori emergenti.

Nel 2014 gli espatri sono stati 101.297, con una crescita del 7,6% rispetto al 2013 (94.126). A fare le valige sono stati in prevalenza uomini (56,0%), non sposati (59,1%), tra i 18 e i 34 anni (35,8%). Sono partiti soprattutto dal Nord Italia e la meta preferita è stata la Germania (14.270); a seguire il Regno Unito (13.425). E’ quanto emerge dal Rapporto Italiani nel mondo 2015 della Fondazione Migrantes, presentato oggi a Roma.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Compro-oro, su 20mila negozi solo 350 registrati. Ma lo stato ci perseguita su1.000 euro di contante

Articolo successivo

Quarto Cagnino, la periferia milanese che vuol farsi repubblica...