Verso Green Pass per ristoranti al chiuso, Draghi pensa a irrigidire le misure

L’obiettivo e’ bruciare i tempi, la curva dei contagi con la variante Delta rischia di mettere l’Italia nella stessa condizioni di altri Paesi e per evitare di tornare a chiudere e bloccare la ripresa economica occorre subito prendere provvedimenti. La linea del ‘green pass subito’ si rafforza sempre di piu’ nel governo, anche se restano le contrarieta’ della Lega e le perplessita’ delle Regioni di inserire criteri eccessivamente rigidi. Fonti della maggioranza riferiscono che il premier Mario Draghi sia intenzionato a stringere sulle misure per evitare che si debba ritornare al coprifuoco. E quindi l’orientamento sarebbe quello di utilizzare il green pass anche per i ristoranti al chiuso. Il Comitato tecnico scientifico oggi non si e’ riunito ma avrebbe dato questa indicazione nei giorni scorsi. Chiedendo inoltre che si acceleri sulla somministrazione dei vaccini nelle scuole, tanto che non e’ escluso che si vada sull’obbligo per quanto riguarda il personale scolastico. Mercoledi’ si terra’ prima la cabina di regia e poi il Cdm che dovrebbe varare e probabilmente rendere operativo in tempi brevissimi un sistema premiale che favorisca un incremento delle vaccinazioni. Cosi’ chi non ha voluto farsi il vaccino sara’ svantaggiato. Anche il presidente del Consiglio quindi sarebbe per la linea dell’ampliamento del green pass, anche se si cerchera’ di trovare una ‘via italiana’. L’ipotesi di inserire regole piu’ ferree per il green pass a seconda del quadro epidemiologico e le fasce a colore delle Regioni, contestualmente al cambio dei parametri, e’ una delle opzioni sul tavolo. Ma la soluzione potrebbe essere quella di estendere il green pass senza distinzioni. In ogni caso l’esecutivo dovra’ trovare in queste ore un punto di caduta perche’ ci sono molte resistenze da parte delle forze politiche che sostengono l’esecutivo.

La Lega e’ contraria e si oppone nettamente anche all’idea di Letta di inserire l’obbligatorieta’ dei vaccini. Sul green pass “penso sia necessario dare il piu’ rapidamente possibile un quadro di certezza ai cittadini e agli esercenti”, dice il segretario dem. “L’allargamento dell’utilizzo del Green pass non ha senso, non c’e’ in quasi nessun paese d’Europa”, il parere di Salvini. “Il green pass esteso puo’ essere la soluzione per affrontare un aumento di contagi ed evitare una nuova stagione di restrizioni e chiusure che, purtroppo, si sta gia’ affacciando in altri Paesi europei”, la posizione del Movimento 5 stelle. Anche se pure i pentastellati punterebbero a non forzare la mano. “Al lavoro sulla via italiana all’estensione del Green Pass, per consolidare gli spazi di liberta’ conquistati e per non tornare a chiudere il Paese”, ha spiegato il ministro Gelmini che oggi ha avuto una riunione con i vertici del partito. Intanto il presidente Fedriga ha convocato la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome per domani pomeriggio. Mercoledi’ ci sara’ la conferenza unificata straordinaria. Molti ‘governatori’ non nascondono i propri dubbi sulla eventualita’ di utilizzare il green pass per esempio per i ristoranti al chiuso. Si discutera’ nel governo e nella maggioranza anche sul ‘timing’. Ma intanto lo scontro e’ sempre piu’ acceso. “Immaginare di applicare un green Pass come quello di Macron in Italia sarebbe un provvedimento economicida”, dice Meloni. Nelle prossime ore in ogni caso cambieranno i parametri per le Regioni. Conteranno di piu’ le ospedalizzazioni. Si andra’ in zona gialla con un’occupazione delle terapie intensive superiore al 5% dei posti letto a disposizione e con quella dei reparti ordinari superiore al 10%. Il governo inoltre dovrebbe estendere la proroga dello stato di emergenza fino alla fine di ottobre.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Rizzi: Capitani poco coraggiosi "avvelenano" i pozzi della società con una nuova comunicazione

Articolo successivo

Il popolo padano ha paura di chiedere... Il libro di Riccardo Pozzi