VERONA: MA TOSI CHE C’AZZECCA CON FIAMMA FUTURA?

di REDAZIONE

Oggi pomeriggio a Verona (ore 16.30), nella sala congressi di Verona Mercato in via Sommacampagna 63/D, si svolge l’assemblea generale dell’Associazione Progetto Nazionale, circoli Fiamma Futura. Sono previsti l’introduzione di Andrea Miglioranzi, un dibattito moderato da Massimo Piubello, e la relazione finale di Piero Puschiavo. Durante l’assemblea sono previsti interventi di esponenti  politici e amministrativi fra i quali Francesco Storace (Segretario nazionale de La Destra), oltre che di rappresentanti di categoria, di associazioni culturali e di comitati di impegno sociale.

Direte voi: ma che c’entra parlare di un appuntamento del genere su L’Indipendenza? Domanda legittima. Ed ecco la risposta. Ci ha incuriosito che dall’invito che abbiamo ricevuto risulta prevista la partecipazione, a fianco di Storace, del sindaco di Verona Flavio Tosi. Allora la domanda da fare è questa: ma che c’azzecca Tosi, un esponente leghista di primissimo piano, con l’assemblea generale  di un’Associazione che si prefigge di realizzare un progetto nazionale all’insegna del tricolore (vedasi il manifesto qui a fianco, tanto per gradire). Fosse stato il sindaco della città ospitante che rivolgeva un semplice saluto, la cosa poteva anche passare inosservata, anche se sarebbe stato più opportuno inviare un bel messaggio. Ma la presenza di Tosi, come detto, è stata dai promotori equiparata a quella di Storace e allora qui c’è qualcosa che stona. O forse, a guarda bene, non stona poi mica tanto, visto che il sindaco di Verona sta disseminando indizi vari destinati a far sospettare che siano una prova: la sua provenienza da ambienti di destra molto destra non è un mistero, pochi giorni fa ha detto chiaro e tondo che la secessione non si può fare in Italia, e oggi banchetta, politicamente parlando, con Storace e compagnia bella.

Ma Tosi è un leghista o è Tosi e basta?

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

ROSI MAURO LANCIA LA FATWA EMILIANA VERSO MARONI

Articolo successivo

PROPOSTA SHOCK: VIA LA SICILIA DALL'UNIONE EUROPEA