Venezuela, contro il regime si facciano referendum secessionisti

di MARCO POLESEL

Dato il l’insistito assalto repressivo e criminale sui cittadini in tutto il Venezuela, in particolare degli Stati di Táchira, Mérida, Trujillo, Lara, Carabobo, Nueva Esparta e Zulia, da parte del regime socialista attuale, telediretto da Cuba, chiediamo a tutti i settori di intraprendere un cammino secessionista per contenere e fermare questo massacro .

Il Movimento “Destra liberale autonomista in Venezuela ( MDL )” chiede, con urgenza, un processo di secessione negli Stati di cui sopra, così da porre fine ai massacri che il regime ha intrapreso e intende intraprendere. Da autonomista propongo un referendum secessionista organizzato dai tribunali elettorali presenti in ogni Stato, in piena autonomia, senza intervento delle autorità illegali e illegittime, come prodotto dell’attuale regime.

Il Venezuela sta affrontando un regime criminale installata al potere grazie ai consigli di un paese dittatoriale, non a caso il regime venezuelano è il maggior successo mai visto nella storia da parte dei cubani, ma anche, e purtroppo per noi, che i venezuelani stanno affrontando. Purtroppo, una pseudo opposizione sta apertamente e sfacciatamente collaborando dal 2003 col regime castrista. Pertanto, non rappresentano un riferimento legittimo per guidarci verso una soluzione efficace a questo regime .

IL VIDEO-APPELLO DI POLESEL

Print Friendly, PDF & Email

4 Comments

  1. Un regime criminale dice..? Mi sembra sia stato eletto democraticamente dalla maggioranza della popolazione… quindi legittimo… Mi sembra anche che uno che massacra la popolazione non possa essere cosi ben-voluto… Dicevano lo stesso anche di Saddam, Gheddaffi, Assad, Yankunovich… scusa (falsa) bella e buona per giustificare un aggressione da parte di….quegli idoli che non se ne stanno mai a casa loro come fanno tutti gli altri, e che hanno interessi nel sottomettere le nazioni che fanno i capricci… Attenti a questo tipo di informazione, nel mirino ci siete voi.

Rispondi a Johnny Annulla risposta

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Io protesto, mi han fatto chiudere e negato un finanziamento

Articolo successivo

Coincidenze: infiltrazioni mafiose e immigrazione dal Sud