/

Venezia 15/09 – Bernardelli: lavoro e tasse, il Nord non può aspettare Roma

Schermata 2019-08-29 alle 16.20.02di ROBERTO BERNARDELLI– Lavoro e disoccupazione. Non serve l’Istat o il Jobs act per leggere le cartine parlanti come quella che pubblichiamo. Si vede con chiarezza come il Nord stia con una parte d’Europa diversa da altre parti d’Europa. La Francia centralista non se la passa bene né la Spagna che ferma il processo di indipendenza della Catalogna. La Grecia vediamo  a chi somiglia. Ma tornando a casa nostra, possiamo dire che i problemi di Milano siano gli stessi di Ragusa? Quelli di Padova identici a quelli di Taranto? Eppure, c’è una classe politica che si ostina a dire che siamo tutti uguali. E che la questione meridionale va risolta. Come? Con il nazionalismo? Il risultato è quello che vediamo.
Per il lavoro e le tasse, il Nord non può aspettare in eterno l’eterna Roma.
Noi ci troviamo anche per questo il 15 settembre a Venezia. Più che un sogno, è una necessità. Grande Nord c’è!

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Con chi il Nord ha raggiunto il fondo del barile

Articolo successivo

Bernardelli: Salvini ha consegnato il Nord a statalisti e sinistra assistenzialista