Veneto, nel profondo Nord il modello d’integrazione: dagli immigrati il 10% del Pil

moressadi BENEDETTA BAIOCCHI – Il dossier della Fondazione Moressa era molto atteso. Di questi tempi occorre capire bene dove si voglia arrivare quando si apre il capitolo immigrazione. I dati veneti esaminati non prendono in considerazione sbarchi o altri problemi ma leggono i numeri, che sono importanti e che dimostrano, al di là degli schieramenti politici, che se l’integrazione funziona, nella terra del leghismo e del forte richiamo indipendentista, può fare da traino dell’economia.

Vediamo il dossier, che è già il quinto Rapporto annuale sull’economia dell’immigrazione, pubblicato con il contributo della CGIA di Mestre e con il patrocinio di OIM e MAECI (Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale). L’edizione 2015,  “Stranieri in Italia, attori dello sviluppo”, si focalizza sul ruolo economico dell’immigrazione nello sviluppo sia in Italia (sotto forma di tasse, contributi e valore aggiunto) che nei paesi d’origine (attraverso la cooperazione internazionale, l’attrazione di investimenti e le rimesse inviate in patria).

La manodopera straniera risulta composta da 500 mila residenti regolari.moressa2

La provenienza: prevale l’Est Europa. Uno straniero su cinque (22,7%) in Veneto è romeno. Tra le prime 10 nazionalità straniere in Veneto ben 6 sono dell’Europa dell’Est o dell’area balcanica.

 Comuni, il 20% dei residenti. A livello regionale sono il 10,4% della popolazione (un abitante ogni 10 è straniero), ma ci sono picchi più alti di presenze. Dice il rapporto ad esempio che Lonigo, San Bonifacio e Arzignano spiccano per un’incidenza oltre il 19%: quasi un abitante su 5 è straniero. E’ il distretto delle concerie.moressa3moressa4moressa5

 Il peso economico. Recita lo studio che lo scorso anno i 246 mila occupati stranieri in Veneto hanno prodotto circa 13 miliardi di euro di valore aggiunto, pari al 10,0% della ricchezza regionale complessiva. Le imprese straniere in Veneto sono 45 mila, il 9,1% del totale. Nel periodo 2009/2014, mentre gli imprenditori nati in Italia sono diminuiti (-7,2%), i nati all’estero hanno registrato un +14,6%.

 Quante rimesse nei paesi d’origine. Nel 2014 sono stati inviati 426 milioni di euro.

 

 

Secondo i ricercatori della Fondazione Leone Moressa, “dai dati emerge una fotografia dell’immigrazione che non è fatta solo di sbarchi e accoglienza profughi, ma anche – e soprattutto – di lavoratori integrati nel tessuto nazionale e regionale. In Veneto gli immigrati producono il 10% della ricchezza complessiva e versano 722 milioni di Irpef. Inoltre, contribuiscono allo sviluppo dei paesi d’origine con 426 milioni di rimesse.”

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Che fine ha fatto la proposta di legge per la lingua lombarda? Napoli ci batte

Articolo successivo

300 Lombardi: "La nostra scommessa: unire chi vuole la liberazione democratica della Lombardia!"