Veneto: le vendite al dettaglio crollano del 7,8%. Chiusi 10 negozi al giorno

di REDAZIONE

Nel quarto trimestre 2012, sulla base dell’indagine VenetoCongiuntura condotta su un campione di 1.174 imprese con almeno 3 addetti, le vendite al dettaglio hanno registrato una pesante flessione del -7,8% (-5,1% nel trimestre precedente) rispetto allo stesso periodo del 2011. La marcata contrazione dei consumi e’ ascrivibile a tutti i segmenti, ma la performance peggiore si registra nel commercio al dettaglio dei prodotti non alimentari e i supermercati, ipermercati e grandi magazzini con un calo rispettivamente del -8,4% e -7,9%. Meno pesante la flessione del commercio al dettaglio di prodotti alimentari (-5,8%). Continua l’aumento dei prezzi di vendita (+0,2%), con variazioni piu’ marcate per il commercio al dettaglio non alimentare (+0,4%) e supermercati, iper e grandi magazzini (+0,2%). In diminuzione, invece, il commercio al dettaglio non alimentare (-0,1%) mentre, per quanto riguarda le dimensioni, la variazione ha evidenziato un aumento maggiore per le medie e grandi superfici (+0,2%). In linea col fatturato, gli ordinativi hanno segnato una netta flessione del -7,1% (era -6% nel terzo trimestre) su base annua.

Come nel trimestre precedente, la performance peggiore e’ stata rilevata per supermercati, ipermercati e grandi magazzini (-7,9%), seguiti dal commercio al dettaglio non alimentare (-6,9%) e dal commercio al dettaglio alimentare (-4,7%). Per quanto riguarda la classe dimensionale, i piu’ colpiti risultano i punti vendita di media e grande superficie (-7,9%). Si arresta la dinamica positiva dell’occupazione, che fa segnare un calo del -0,5% su base annua. Sotto il profilo settoriale negativi gli andamenti del commercio al dettaglio non alimentare (-2,2%) ed alimentare (-1,7%). Stabile la variazione per supermercati, ipermercati e grandi magazzini. Alla variazione nulla delle medie e grandi superfici, fa da contraltare la variazione negativa nelle piccole (-2,1%). Contrastanti le attese degli imprenditori. Il saldo tra chi prevede un aumento e chi una diminuzione di ordinativi e vendite e’ in peggioramento: rispettivamente -55,3 punti percentuali (contro il -42 p.p. del trimestre precedente) e 50,5 p.p. (-39,2 p.p. nel trimestre precedente). Leggero miglioramento invece per le aspettative sull’occupazione che segnano un -12,3 p.p. contro il -13,6 p.p. precedente. Anche per i prezzi di vendita si passa dai +10,5 p.p. a 7,2 p.p.

Alessandro Bianchi, presidente Unioncamere del Veneto spiega ”Il 2012 si e’ chiuso con una nuova frenata delle vendite al dettaglio (-7,8% su base annua), che si aggiunge a quelle gia’ evidenziate nei primi nove mesi dell’anno. Il periodo natalizio, che di solito riserva un po’ di respiro al settore del commercio, non e’ riuscito a frenare la contrazione delle vendite e la riduzione del potere d’acquisto delle famiglie italiane non lascia margini di crescita nel breve periodo”. ”I dati confermano inoltre come le aperture domenicali e le liberalizzazioni degli orari dei negozi non hanno sortito alcun effetto sui consumatori, che hanno mantenuto le loro abitudini di acquisto, pur avendo meno reddito disponibile – conclude – A questo vanno aggiunte le numerose chiusure di esercizi commerciali che, tra gennaio e dicembre 2012, hanno interessato oltre 4.200 negozi nel solo Veneto (oltre 10 al giorno) con un saldo tra nuove aperture e chiusure risultato negativo di 1.600 unita’. In questo quadro di grande incertezza, nel quarto trimestre anche l’occupazione frena (-0,5%), segno che probabilmente gli effetti delle aperture domenicali sulla domanda di lavoro si sono esauriti”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Bersani è morto ma non vuole saperlo. L'unica chance ormai è Renzi

Articolo successivo

Rai, torna la stagione delle lettere anonime: stipendi gonfiati al Tg1