Veneto e indipendenza, Roma è il carnefice. Basta elemosinare

di MASSIMO VIDORI

Da qualche mese osservo le improbabili traiettorie dello sparuto gruppo di valorosi attivisti interessati ai destini della nostra terra. Politici e politicanti di professione, dilettanti e saltuari tutti insieme compressi nell’italico imbuto del tritacarne nazionale. Che sia una necessità inderogabile quella di valorizzare il nostro territorio, lo credo da anni e mi compiaccio del progressivo ampliamento della platea degli interessati.

Quello che continuo a non capire è la propensione a chiedere al carnefice… la presunta inderogabilità dell’interlocuzione romana… il compiacimento per le monetine  (peraltro solo morali) lanciate dal ladro nel cappello in mano ai suddetti! Come si può continuare a chiedere ad un sistema romano-centrico che ci calpesta da sempre? Voglio capire come si possa pensare che, per quanto ottimo, un qualunque progetto di autonomia-specificità-tematismo possa trovare realizzazione rivolgendosi a quella macchina mangiasoldi che è Roma e le sue diramazioni.

Ci stanno spolpando vivi da anni (tutto il Veneto e Belluno più degli altri!)… e la strategia continua ad essere quella di dialogare col cannibale?!?

Paura a pensare e pronunciare la parola RIVOLUZIONE? Comprensibile. Allora si vada su Wikipedia o su un dizionario a leggere  il significato di questa parola e ci si renderà conto che è esattamente ciò che ci serve. Non ci sono altre possibilità: prima la facciamo e prima guariremo. Il percorso, civile e democratico, è già tracciato da Indipendenza Veneta. Ma se rivoluzione deve essere, che lo sia anche nei modi: saremo nuovi in tutto, sin dalla rinascita! E’ evidente che anche nel governo regionale la politica italiota allunga i suoi tentacoli. Altrettanto non può fare nel governo dei territori, che puntualmente rispondono all’appello indipendentista: ormai sono 150 i comuni e 4 le provincie che ci sostengono. Ed allora prepariamoci alla vera rivoluzione: siano convocati gli Stati Generali di questa regione e si proceda!

Finiamola di attendere, smettiamo di chiedere: prendiamoci ciò che aspetta di diritto!! Belluno Autonoma nel Veneto indipendente subito.

*Indipendenza Veneta Dolomiti

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

La società multietnica si può evitare

Articolo successivo

Saccomanni attacca gli evasori, lui che rappresenta lo Stato ladro