/

Varese (e Verona), il tonfo della Lega. Però hanno un sindaco in provincia di Messina! Saranno i Vespri siciliani?!

sicilia-antica-mappadi CASSANDRA – Chi lo avrebbe mai detto. Il candidato scaligero arriva primo al primo turno ma dietro non c’è la candidata del Pd, ma la senatrice e compagna del sindaco uscente, Flavio Tosi, ovvero Patrizia Bisinella. La Lega è all’8,6% mentre il listone di Tosi è al 16,46.  Doppiati i leghisti!

Vediamo un altro luogo simbolo del Carroccio, la provincia di Varese. A Tradate la Lega va al ballottaggio, niente primo colpo, nonostante un passato da enclave leghista.  A Besozzo altre vittime. Sezione della Lega di fatto spaccata, dopo l’uscita del penultimo sindaco del Carroccio, Brunella (ultimo fu Fabio Rizzi). Risultato: Lega terza su tre, in coalizione con Forza Italia e Fratelli d’Italia.

A Cassano Magnago, città totem del Senatur, Lega terza su tre in corsa, in listone con delle civiche, battuta da una coalizione di centrodestra.

A Gerenzano, in lista niente meno che con Alleanza nazionale, Fratelli d’Italia e civiche, è battuta e il sindaco va ad una normalissima lista civica, Insieme e libertà. Idem a Ferno, con pezzi di Forza Italia e Fratelli d’Italia.

L’Italia s’è desta, però Salvini esulta, ha preso con Noi con Salvini un Comune in provincia di Messina. Saranno i Vespri siciliani?!

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Reguzzoni: Milano torni centro dell'azione culturale e politica del Paese

Articolo successivo

Elezioni Francia: Macron stravince. Sberla al Fronte Nazionale: Le Pen non ha numeri per gruppo parlamentare