Frana la Valle Camonica, ma il prefetto se ne frega altamente

di ANDREA ARVELI

“Quello italiano è uno Stato infame, parassita e che non mantiene alcun impegno”. Parola di Giulio Arrighini. Lo scorso mese di luglio una frana ha travolto Rino di Sonico, in Val Camonica (Bs): il torrente Rabbia è esondato a seguito di abbondanti piogge trascinando a valle oltre 250mila metri cubi di detriti che hanno travolto il ponte della frazione Rino fino alla Statale 42.

Lo Stato centralista italiano sapete cosa fa? Vincola i fondi della Legge Valtellina (una legge regionale, che ha stanziato denari per sistemare il territorio) a quella vergogna (ormai va detto chiaro) di patto di stabilità di Comuni e Provincia di Brescia, esponendo intere comunità al rischio frana.

Il Prefetto, rappresentante dello Stato italiano, convocato, su richiesta del Consigliere provinciale di Unione Padana, Giulio Arrighini, ha disertato la commissione provinciale, facendosi sostituire da un vice che si è trattenuto per tre minuti tre, effettivi, lasciando l’aula senza esprimere alcun parere, né tantomeno soluzioni. Intanto, a febbraio, con l’innalzamento delle temperature, dieci milioni di metri cubi di materiale franoso potrebbero travolgere la valle, bloccare il corso dell’Olio con tutto ciò che può conseguirne.

Quanto è stato fatto fin ora è attribuibile all’operosità degli enti locali e delle aziende che attendono di essere pagate prima di completare i lavori. Giulio Arrighini e Fabio Toffa rispettivamente segretario nazionale e provinciale di Unione Padana, con alcuni sostenitori della Valle Camonica, hanno manifestato stamane nel cortile di Palazzo Broletto, sede della Prefettura esponendo uno striscione di denuncia verso lo Stato italiano e l’istituzione prefettizia, longa manus del centralismo inefficiente romano.

LEGGI IL VERBALE DI COMMISSIONE IN PROVINCIA

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Pirellone: c'è chi s'è fatto rimborsare persino il pane. A fuoco!!!

Articolo successivo

Tino Rossi: lascio la Lega deluso dalla ricerca delle alleanze