UNIONE PADANA: BASTA SLOT MACHINE NEL SAVONESE

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Il gioco compulsivo è una patologia che sta sempre piu’ colpendo i savonesi, minacciando e spesso azzerando le risorse finanziarie delle famiglie. Sta inoltre crescendo fra i minori la passione per le slot machine, con tutti i problemi correlati. Bene il regolamento gia’ fissato dal Comune di Savona, uno dei primi in Italia a intervenire, ma non basta. Unione Padana Liguria chiede un sostanziale mutamento delle condizioni di installazione delle macchinette mangiasoldi. Prima fra tutte l’obbligo di inserimento del tesserino magnetico fiscale per accedere al gioco, come gia’ accade per i distributori automatici di sigarette.

Quindi divieto di installazione e rimozione di quelle gia’ presenti in tutti gli esercizi commerciali se in vicinanza di luoghi a rischio come chiese, ospedali, scuole. Possibile anche inserire un tetto di slot per abitante, pensiamo 1 ogni 200 sia gia’ un buon segnale.

Questo significa che Savona citta’ non potrebbe ospitarne piu’ di 250. Comprendiamo che questo significa un mancato introito per molti esercizi gia’ alle prese con la crisi, ma sicuramente non è possibile in nome del guadagno continuare a permettere lo sviluppo di una vera e propria malattia sociale che sta compromettendo le stesse relazioni all’interno delle famiglie.

UNIONE PADANA LIGURIA – Segreteria Provinciale Savona

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

SORPRESA RAI: PRESIDENTE ANNA MARIA TARANTOLA (BANKITALIA)

Articolo successivo

L'ORSO, NEMICO DELL'UOMO CHE SMASCHERA I FINTI AUTONOMISTI