Un Corsaro in via Bellerio per le firme dei Fratelli d’Italia

di TONTOLO

Uno degli amici del bar, il Poldo, ha un  vicino di casa che ha un cugino che lavora (??) in Via Bellerio e che ha raccontato che per un paio di settimane un tale Corsaro, deputato uscente del Pdl, si è presentato nella sede leghista in gran segreto (con una benda da corsaro sull’occhio  per non farsi riconoscere) e dei grandi faldoni sotto il braccio uncinato. Ha detto il braccio e non la croce.

Ha anche detto che là in giro per i corridoi (in Via Bellerio ci sono solo corridoi, mica uffici) si dice che sia venuto a farsi dare e vidimare le firme per la presentazione delle liste di “Fratelli d’Italia” alla Camera, che la nuova Lega (che di fratelli di un certo genere se ne è fatti parecchi) avrebbe generosamente procurato.

Sicuramente è una balla del Poldo che di balle ne spara tante, come quella volta che aveva insinuato che Belsito era un terù, e che il Trota aveva preso una laurea in Albania. Quel comunista del Poldo!


Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Alitalia cambia livrea, colpa dei conti in rosso

Articolo successivo

Lazio: troppe donne nel listino, radicali esclusi dalle elezioni