Un anno di politica 7/ Luglio, arriva il Green pass

Luglio e’ stato Un mese bollente per la politica, culminato con l’inizio del semestre bianco che ha avviato, di fatto, la corsa al Quirinale. E, semmai ci fosse stato nelle intenzioni dei partiti, il voto anticipato diventa impossibile. Delicati i temi della riforma della giustizia penale e il dibattito sul ddl Zan anti-omofobia, che divide il Pd da Lega e FI, ma anche da Italia viva. Nei primi giorni del mese, all’interno del Movimento 5 stelle, Beppe Grillo e’ ai ferri corti, apparentemente senza possibilita’ di ritorno, con Giuseppe Conte. Alla fine l’ex premier verra’ comunque designato presidente del Movimento. Sempre a luglio si comincia a parlare di Green pass e il governo decide sulle nomine Rai.

1 LUGLIO: Tensione Grillo-Conte. Nessuna schiarita tra il garante e il candidato presidente del M5s, ma i canali aperti dai pontieri rimangono aperti.

5 LUGLIO: Mattarella da Macron all’Eliseo, al centro del colloquio la lotta alla pandemia, il sostegno al nuovo corso europeo, l’attenzione ai cambiamenti climatici. Il Capo dello Stato rilancia sull’immigrazione: “Occorre governare il fenomeno” in chiave europea.

8 LUGLIO: Disco verde in Consiglio dei ministri per la riforma del processo penale, presentata dalla ministra della Giustizia Marta Cartabia. Il premier Draghi nelle vesti di mediatore, per sbloccare lo stallo. A resistere sul fronte giustizialista e’ il Movimento 5, che arriva a ipotizzare l’astensione. Alla fine varati gli emendamenti sulla prescrizione. Prove di federazione nel centrodestra: All’assemblea nazionale di Noi con l’Italia di Maurizio Lupi, intervengono Salvini e con una missiva Berlusconi. Il leader azzurro parla di “centrodestra unito” e il leader leghista auspica di federare i gruppi parlamentari entro l’estate. Ma Giorgia Meloni li gela: “Al partito unico non ci credo”.

12 LUGLIO: Gli azzurri, campioni d’Europa, accolti al Quirinale dal presidente Mattarella, poi da Draghi a Palazzo Chigi. Roma e’ in festa, ma si teme per i contagi Covid. Il premier ringrazia gli sportivi: “Lo sport insegna, unisce e fa sognare. E’ ascensore sociale, argine al razzismo e strumento di coesione”.

13 LUGLIO: Via libera Ue al Recovery dell’Italia. Il ministro dell’Economia Daniele Franco: “I primi 25 miliardi arriveranno entro fine mese”. Palazzo Chigi: “L’Italia di domani piu’ verde, innovativa e inclusiva”. Il commissario europeo Gentiloni loda il lavoro di Draghi. Il segretario Pd, Enrico Letta, sara’ candidato nel collegio uninominale Toscana 12 a Siena per le elezioni suppletive della Camera che si terranno a ottobre. Il ddl Zan anti-omofobia a Palazzo Madama. Si arriva in aula, con alta tensione tra gli schieramenti. La strada si conferma in salita, tant’e’ che in autunno arrivera tra le polemiche lo stop al provvedimento.

15 LUGLIO: Conte e Grillo, pace a Bibbona.Terminato il lavoro certosino sul nuovo statuto M5s, Beppe Grillo e Giuseppe Conte certificano pubblicamente la pace. Fotografati sorridenti al tavolo del ristorante “Il Bolognese da Sauro” di Marina di Bibbona. Governo e Cts al lavoro sul Green pass. Dopo una prima mossa da parte della Francia, prende corpo il dibattito sull’utilizzo del Green pass per frenare la diffusione delle varianti del Covid-19. La discussione arriva sul tavolo del Governo che con il Cts ha avvia la fase di studio. Contrari dall’opposizione FdI: “La coercizione non e’ la via per guadagnare la fiducia dei cittadini”. Nomina dei vertici Rai: Carlo Fuortes, nonostante e resistenze della Lega, indicato dal Consiglio dei ministri come nuovo ad della Rai. Il cda di Viale Mazzini eleggera’ presidente, Marinella Soldi.

19 LUGLIO: Conte da Draghi, si media sulla giustizia: faccia a faccia Draghi-Conte sulla riforma Cartabia. “Daremo il nostro contributo – dice l’ex premier – per velocizzare i processi, ma saremo molto vigili nello scongiurare soglie di impunita’”.

22 LUGLIO: Il Consiglio dei ministri proroga dello stato di emergenza al 31 dicembre. Decise le modalita’ di utilizzo del Green pass. Il ministro della Salute, Roberto Speranza: “Vaccinarsi, vaccinarsi, vaccinarsi”. Il Cdm approva all’unanimita’ l’autorizzazione a porre la fiducia sulla riforma del processo penale. Forti le critiche del Csm e di alcuni pm, come quello di Catanzaro, Nicola Gratteri.

23 LUGLIO: Gli 80 anni di Mattarella. Il Presidente della Repubblica festeggia l’ottantesimo compleanno. E ribadisce il suo no alla rielezione.

28 LUGLIO: Mattarella: vaccinarsi Un dovere morale: alla cerimonia del Ventaglio, ultima del suo settennato, Sergio Mattarella rilancia l’impegno alla vaccinazione: “Non rende invulnerabili, ma riduce grandemente la possibilita’ di contrarre il virus. E’ Un dovere morale e civico”.

29 LUGLIO: Con il voto di fiducia a Palazzo Madama il dl semplificazioni diventa legge. Regola la governance del PNRR e lo snellimento delle procedure burocratiche. Accordo all’unanimita’ in Consiglio dei ministri sulla riforma della giustizia penale. L’intesa prevede Un regime speciale per i processi per reati di mafia e terrorismo. Tuttavia, le distanze tra i partiti che sostengono il governo Draghi fanno segnare Un primo rallentamento nell’agenda delle riforme. Fisco e concorrenza slitteranno a settembre.

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Coro di no per la dad ai non vaccinati. Asse Lega-5Stelle e Fratelli d'Italia

Articolo successivo

I non vaccinati in dad se in classe ci sono due positivi. Presenza per il resto della classe