UE fuori da recessione. Ma non è festa per tutti: Italia indietro

di CLAUDIO PREVOSTI

Il 14 agosto 2013 sarà ricordato come il giorno dell’uscita dalla recessione dell’Eurozona, dell’Ue e di diversi Stati membri, Francia in testa. Un passaggio importante, ma non sufficiente a parlare di crisi alle spalle, come si è affrettato a sottolineare il commissario Ue agli Affari economici, Olli Rehn. Anche i mercati hanno reagito tiepidamente ma bisogna considerare che si tratta di giorni di bassa attività finanziaria, a causa delle ferie. Peraltro l’uscita dalla recessione era messa nel conto dagli analisti, anche se in misura un pò più contenuta (+0,2%) rispetto al +0,3% segnato nel secondo trimestre rispetto al primo.

Ma non è festa per tutti nell’Eurozona. Particolarmente significative, ed entrambe oltre le attese, le performance della Germania, che dopo un primo trimestre di crescita zero ha fatto segnare +0,7%, e Francia, che è uscita da due trimestri in contrazione con un deciso e inatteso +0,5 per cento. Mostra un buon progresso la Finlandia (+0,7%); impressiona il balzo del Pil portoghese, +1,1%, dopo dieci trimestri consecutivi in calo. Resta indietro l’Italia, il cui Pil nel secondo trimestre è calato ancora (-0,2%, meno rispetto ai periodi precedenti) in compagnia della Spagna (-0,1%). Anche al Nord ci sono economie ancora fredde come quella olandese: il Regno dei Paesi Bassi resta in recessione (-0,2%). Ma la maglia nera per la peggiore performance del trimestre va ancora a Cipro (-1,6%). Fuori dall’Eurozona, la Gran Bretagna segnala una interessante progressione, +0,6% nel secondo trimestre rispetto al primo.

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

  1. Io non mi fido di questi numeri che ritengo addomesticati ad usum delphini.
    Io giro per la città , vedo gente, parlo ed ascolto.
    Vedo le cose.
    E quel che vedo non corrisponde a questi numeri.
    – 0,2 per l’italia è una sottostima.

  2. IL VENTO DEL NORD –Lega Nord 3.0

    TUTTI LO SANNO E NESSUNO PARLA :
    –CON UN SISTEMA SOFISTICATISSIMO GLI
    ADDETTI ALLE STATISTICHE HANNO FALSIFICATO
    I CONTI ED IL RISULTATO FINALE E’ STATO
    FATTO APPARIRE IN POSITIVO,OVVIAMENTE
    MENO CHE PER L’ITALIA !!!
    BALLE,BALLE,NIENT’ALTRO CHE BALLE !!!
    LA SOLITA “PRESA PER IL CULO “!
    DICIAMOLO CON CHIAREZZA !
    Saluti.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Tosi: pronto a guidare il centrodestra. Un ticket con la Meloni?

Articolo successivo

Buon Ferragosto a tutti nostri lettori