Tutta Como e provincia arancione scuro. A ruota Comuni pavesi e Cremona con i centri attorno

Sulla base delle raccomandazioni della Commissione indicatori Covid 19 di Regione Lombardia e sentito il Ministero della Salute, il presidente della Regione ha firmato tre ordinanze con l’obiettivo di rafforzare le misure di prevenzione e contrasto al COVID su diverse aree del territorio lombardo. Le misure entreranno in vigore mercoledi’ 3 marzo con scadenza dopo una settimana, mercoledi’ 10 marzo compreso. Fatta eccezione per i comuni che da fascia rossa passano ad arancione rafforzato (Mede, Viggiu’ e Bollate) che avranno effetto a partire dal 4 e fino a giovedi’ 11 marzo compreso. In particolare, si stabilisce la fascia arancione rafforzata per tutti i comuni della provincia di Como.

Il provvedimento vale inoltre per i seguenti comuni della provincia di Mantova: Viadana, Pomponesco, Gazzuolo, Commessaggio, Dosolo, Suzzara, Gonzaga, Pegognaga, Moglia, Quistello, San Giacomo delle Segnate, San Benedetto Po, Asola, Castelgoffredo, Casaloldo, Medole, Casalmoro, Castiglione delle Stiviere.

In provincia di Cremona, fascia arancione rafforzata per: il capoluogo Cremona, Spinadesco, Castelverde, Pozzaglio ed Uniti, Corte dei Frati, Corte de’ Cortesi con Cignone, Spineda, Bordolano e Olmeneta.

Anche nel territorio della provincia di Pavia viene disposta la fascia arancione rafforzata per: Casorate Primo, Trovo, Trivolzio, Rognano, Giussago, Zeccone, Siziano, Battuda, Bereguardo, Borgarello, Zerbolo’, Vidigulfo. Inoltre, in provincia di Milano, l’ordinanza riguarda Motta Visconti, Besate, Binasco, Truccazzano, Melzo, Liscate, Pozzuolo Martesana, Vignate, Rodano, Casarile. Per tutti questi comuni viene stabilita la didattica a distanza per le scuole dell’infanzia, le primarie e le secondarie ad esclusione degli asili nido. Vengono, poi, prorogate per un’altra settimana le misure gia’ adottate per tutti i comuni della provincia di Brescia, sempre con esclusione degli asili nido. Cosi’ come sono confermate per un’altra settimana anche per i comuni bergamaschi di Sarnico, Gandosso, Viadanica, Predore, Adrara San Martino, Villongo, Castelli di Calepio, Credaro e per il comune di Soncino in provincia di Cremona. I comuni di Mede (Pv), Bollate (Mi) e Viggiu’ (Va), finora in fascia rossa, passano in fascia arancione rafforzata, in considerazione del miglioramento della situazione epidemiologica.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Avevano voluto portare Alitalia da Malpensa a Roma... Un errore dietro l'altro

Articolo successivo

Scuola, il modello Veneto scricchiola