Turismo, perdite per 320 miliardi di dollari, a rischio fino a 120 milioni di posti di lavoro

La pandemia di Covid-19 ha provocato perdite per 320 miliardi di dollari per il turismo mondiale tra gennaio e maggio, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. E’ quanto emerge dalle stime dell’Organizzazione mondiale del turismo (Omt), l’agenzia delle Nazioni unite che si occupa del coordinamento delle politiche turistiche, secondo cui la cifra e’ “tre volte maggiore rispetto alle perdite registrate dal turismo internazionale durante la crisi economica globale del 2009”. Inoltre, nei primi cinque mesi del 2020 il numero di turisti internazionali e’ diminuito del 56%, circa 300 milioni di viaggiatori in meno, rispetto allo stesso periodo del 2019. Nonostante la lenta ripresa del turismo, “l’indice di fiducia stilato dell’Omt e’ ai minimi storici”. Tra i principali rischi per il settore, l’agenzia cita “la recrudescenza del virus e il rischio che siano imposte nuove misure di contenimento”. A inizio maggio, l’Omt ha previsto un calo del 60-80% del numero di turisti internazionali nel 2020, con perdite che potrebbero ammontare a 910-1.200 miliardi di dollari. Per tutto questo, l’agenzia teme che “siano a rischio 100-120 milioni posti di lavoro diretti nel settore turistico”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Oipa diffida Fugatti da nuova ordinanza abbattimento

Articolo successivo

La Finanza alla dama spa. E i pm indagano sui conti del governatore