Turismo: già persi 220mila posti più l’indotto

“Ben 50mila imprese del comparto turistico italiano rischiano il fallimento a causa della perdita di solidita’ finanziaria con una contrazione del fatturato di almeno 12 miliardi di euro. Una mortalita’ imprenditoriale che non puo’ non ripercuotersi inevitabilmente sul mercato del lavoro con una perdita diretta di ben 220 mila posti la cui meta’ e’ concentrata nei sistemi turistici del Nord a cui, ovviamente, va aggiunto l’intero indotto. Non va dimenticato, se a qualcuno fosse sfuggito, che nel primo trimestre del 2020, si e’ registrato il peggiore bilancio della nati-mortalita’ del sistema turistico degli ultimi 25 anni. E ancora l’anno non e’ concluso”. Lo dice in un’intervista all’ANSA il presidente dell’istituto Demoskopika Raffaele Rio.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Serve una riforma fiscale imponente. I commercialisti contro Roma

Articolo successivo

Quel rischio default per 1,7 milioni di microimprese