Trieste, in migliaia in corteo per avere il “Porto franco”

di PAOLO SANCINI

Una manifestazione riuscita, un lungo corteo, composto da migliaia di triestini (e non solo), che han deciso di dire basta all’occupazione italiana e al mancato rispetto dei trattati che vogliono che Trieste sia una città libera.

Ieri, ad alzare il vessillo alabardato, c’erano almeno 3.000 persone, che hanno camminato lungo l’adriatico per rivendicare il “Porto franco” della loro città. Alla manifestazione, partita introno alle 14.30 e terminata intorno alle 17.00, hanno partecipato anche diverse delegazioni straniere, provenienti da Slovenia, Croazia e Austria. Molti i giornalisti presenti, curiosi di capire cosa sta accadendo in quel fazzoletto di terra che sta alle porte della Mitteleuropa.

Tra i manifestanti (molte famiglie con bambini presenti), anche alcune delegazioni autonomiste, convenute a Trieste per portare la loro solidarietà a “Trieste Libera”, che non demorde nel condurre una battaglia serrata per vedere riconosciuta la libertà della propria terra.

IMMAGINI

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Maroni alla Scala, vetrina dell'italianità, predicava forse la secessione?

Articolo successivo

Monfalcone appalta un corso di autodifesa ad una ditta di informatica