Treni insubri: non chiedono più il biglietto a chi non ce l’ha. Se i controllori si barricano!

trenitalia 3Hanno scritto su Facebook…

Treni insubri: da Luino o da Domossola – l’è istess -, il treno si riempie di personaggi rumorosi e inquietanti, da ultimo capitolo del romanzo di Jean Raspail, cui non si chiede il biglietto, perché non ce l’hanno. Anzi, per non sbagliare, i controllori (TRENORD) si barricano nella cabina di guida e non lo chiedono più a nessuno. Extracomunitari, ovviamente, anche se ho sempre odiato questa espressione politicamente corretta. Ma che cosa avete capito?!! Ovviamente Islandesi, Norvegesi, Svizzeri …

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Ma dobbiamo liberarci dalla romanodipendenza, sì o no?

Articolo successivo

Destra e sinistra? Uguali sono. Stataliste e amiche dell'islam quando serve...