Treni a rischio, si teme raffica di cancellazioni e paralisi del sistema

“Circolazione ferroviaria a rischio paralisi e raffica di cancellazioni di treni in tutta Italia”. Lo denuncia Assoutenti, che segnala come da “Nord al Sud del paese si stiano registrando in queste ore soppressioni di corse da parte delle società ferroviarie a causa del personale in quarantena. Si stanno moltiplicando in queste ore i disagi per gli utenti del trasporto ferroviario, con le varie società come Trenord, Trenitalia ed Ente Autonomo Volturno che hanno comunicato tagli alle corse a causa della carenza di personale bloccato dal Covid- spiega il presidente, Furio Truzzi- Una situazione che potrebbe determinare nei prossimi giorni la paralisi della circolazione ferroviaria con effetti devastanti per il paese”. “Il diffondersi del covid tra personale viaggiante, macchinisti e autisti e le quarantene dei loro colleghi sta facendo saltare i servizi pubblici di trasporto pubblico che vanno sotto i livelli minimi di servizio da assicurare ai cittadini- prosegue Truzzi- Assoutenti rinnova l’appello al Commissario straordinario Figliuolo, al ministro Speranza e al premier Draghi affinché intervengano con urgenza adottando una serie di misure volte a garantire i trasporti pubblici locali”. Nello specifico Assoutenti chiede: – intervento del Genio militare per sostituire i macchinisti e gli autisti che si sono ammalati o sono in quarantena; – intervento dell’Esercito per coadiuvare le forze dell’ordine nel controllo del green pass e dell’uso delle mascherine sui mezzi pubblici; – divieto di sciopero nel settore dei trasporti pubblici fino al 31 gennaio 2022; – riduzione della quarantena a 4 giorni e niente quarantena per i vaccinati. “Infine invitiamo i pendolari e i viaggiatori a segnalare il mancato uso delle ffp2 sia dei passeggeri che del personale viaggiante al numero whatsapp 3517353200 o alla mail nessunoescluso@assoutenti.it”, conclude il comunicato.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

E' il Nord che traina la ripresa, il 37% del valore aggiunto del pil è padano

Articolo successivo

Un anno di politica 5/ Maggio, Lega continua a perdere consenso