Tosi: pronto a guidare il centrodestra. Un ticket con la Meloni?

di GIANMARCO LUCCHI

«Berlusconi deve distinguere le sue sorti personali da quelle del Paese e prendere atto della legge per cui ora è incandidabile. Il centrodestra deve guardare avanti e scegliere il suo leader con le primarie: io sono pronto a candidarmi per la premiership». Lo afferma il sindaco di Verona e esponente di primo piano della Lega Nord, Flavio Tosi, in un’intervista alla Stampa, nella quale annuncia di essereo pronto per il grande salto. Ai primi di settembre lancerà la sua Fondazione con una convention per diffondere il «modello Verona» a livello nazionale e gettare le basi per una nuova stagione del centrodestra. «Stiamo raccogliendo adesioni e contatti con amministratori e professionisti in mezza Italia. Il progetto -spiega Tosi- serve anche ad allargare i confini della Lega. Io sono diventato sindaco grazie alla Lega, ma anche e soprattutto a chi non votava Lega. Contano le persone, i progetti. Il nostro lo metteremo sul sito, che sarà aperto ad adesioni e proposte. Useremo molto la Rete». Il centrodestra deve aprire le porte al cambiamento. «Il leader della coalizione dovrà essere scelto dalle primarie. Magari se partecipa le vince Berlusconi, ma se è incandidabile… Comunque le primarie sono indispensabili: al centrosinistra hanno portato un consenso stratosferico. Facciamole anche noi, però facciamole all’americana, aperte».

«Sappiamo tutti che in carcere non ci andrà mai -osserva ancora il sindaco di Verona riferendosi a Berlusconi in un’intervista al ‘Fatto quotidianò- nessuno gli vieta di rimanere come leader politico. Ma non deve incastrare tutti e tutto sulla questione della sua incandidabilità. Dovrebbe farsi indietro e mandare avanti qualcun altro. Sarebbe un gesto eclatante ma necessario». L’identikit del nuovo leader del Pdl sembra condurre a Marina Berlusconi, Cosa ne pensa Tosi? «Non credo che nel Pdl o in Forza Italia, siano in molti a accettare in silenzio una candidatura imposta. Non più. Da tempo nel centro destra si parla di primarie e io spero sia questo il percorso che io ritengo l’unico possibile» e al quale Tosi non ritiene di dover rinunciare, anche nel caso si candidasse Marina Berlusconi. «Parteciperò comunque -aggiunge riferendosi alle primarie- anche contro Marina, così si dirime la questione della successione. Ma devono essere aperte».

L’autocandidatura del sindaco di Verona sembra tuttavia irritare alcuni dirigenti leghisti, primo fra tutti Roberto Calderoli il quale, sentito dall’Adn Kronos, ha dichiaato :”L’ipotesi di Flavio Tosi candidato alla leaderhip del centrodestra «non è mai stata discussa in Consiglio federale nè in segreteria, non se ne è mai parlato. Per parlare di premiership e candidato premier del centrodestra bisogna in primo luogo che ci sia lo scioglimento delle Camere e le elezioni, poi bisogna decidere se fare alleanze. Le alleanze si fondano sui programmi e questa volta non faremo sconti a nessuno».

«Le primarie io le ho fatte e mi ricordo che Tosi non parlava molto bene delle nostre primarie. Mi fa piacere che oggi sia su posizioni diverse». Alessandro Cattaneo, sindaco Pdl di Pavia, commenta pure lui l’annuncio di Flavio Tosi di volersi candidare alla leadership del centrodestra. «Sono favorevole alle primarie, ma io faccio il sindaco e, nella situazione che stiamo vivendo, la gente vuole risposte concrete non alchimie di partito…Se in autunno ci troveremo l’Imu da pagare, la tares, l’aumento dell’Iva, quali primarie facciamo? La nostra prima responsabilità -avverte Cattaneo- è fare qualcosa». «Chiedo a Tosi cone quale idea di prospettiva politica si presenta. Credo che la prima cosa da fare sia sederci intorno a un tavolo, capire se c’è un progetto politico e intenderci sulla meta da raggiungere. A quel punto -sottolinea Cattaneo- si potrà parlare di primarie, altrimenti si tratta di una fuga in avanti che non riesco a mettere bene a fuoco».

Ad apprezzare l’uscita del sindaco di Verona è invece Giorgia Meloni, di Fratelli d’Italia: «Caro Flavio, ci vediamo a settembre ad Atreju per aprire una nuova stagione politica e del centrodestra». E già c’è chi parla di un ticket proprio Tosi-Meloni per la guida del centrodestra.

Print Friendly, PDF & Email

4 Comments

  1. Se ci saranno le primarie e Tosi si candida andrò a votare CONTRO di lui, cosa che dovrebbe fare qualsiasi buon autonomista. Per me saranno per primi i leghisti a tagliargli le gambe.

    Calderoli: “Poi bisogna decidere se fare alleanze. Le alleanze si fondano sui programmi e questa volta non faremo sconti a nessuno”
    Spèta amò ‘n po, dopo 20 anni, non fa sconti a nessuno, ma levati.

  2. Per una volta concordo con … l’Imperatore! … (Calderoli)!

    Tosi?? … personalmente lo considero un buon Sindaco!!!

    Oltre … solo un azzardo … !?!

    Sarò tranciante e sicuramente super-ficiale ma un aborto è un aborto!

    Pane al pane … vino al vino!!

    L’elettore non è così … ‘cretino’ … come lo si dipinge e le batoste elettorali … iniziano ad essere … troppe !!!

    • Meglio non illudersi. Basta una cretinata Orwelliana “cantone cisalpino” anzichè macronazione (o prima l’itaglia. Del “Nord”) e lo sprovveduto popolo Lombardo accorre in massa. Invidio i Veneti che non si fanno prendere per il naso

  3. Il ticket Tosi Meloni cose il ritorno degli zombie di AN? Un progetto fallimentare che ha sputtanto il concetto di destra in italia. Tosi crede davvero che sotto la linea gotica lo votino? Chi e’ che ha fatto credere a TOsi questo? Ricordo pateli ad un congresso darsi del pirla…. bene cara dirigenza verde i pirla siete voi,,,,, ma davvero pensate che le classi dirigenti del pdl sud vogliono farsi comandare da voi? per non dire di quel poco di pdl che e’ rimasto al nord……Tosi poi non parla mai di federalismo di macroregioni, ha mai letto miglio? Mi chiedo perche; un sindaco non si occupi solo della sua citta’ e di farla funzionare invece di pensare ad altro…. tutti questi politici che devono fare i portagonisti con le cariche pubbliche e questo vale per tutti i partiti…… ma mamma mia ………. e si il federalismo e’ propio alle porte :)…….Caro Tosi posso dirti solo attento a meloni e soci…. loro sono gia decotti politicamente …..invece di pensare ad un progetto federalista serio o appogiare anche i referendum consultivi per dare voce alla gente….. ecco che abbiamo un sindaco che pensa ad altro……….Io mi chiedo ma se non avessro piu i voti della gente, se non avessero piu; ‘ incarichi di partito che lavoro andrebbero a fare. non ci resta che kyenghere.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Ennesima bufera nella Liga: scontro fra Zaia e Muraro

Articolo successivo

UE fuori da recessione. Ma non è festa per tutti: Italia indietro