Tosi: primarie del centrodestra per un ricambio naturale

di REDAZIONE

«Al di là della sentenza» di condanna per Silvio Berlusconi, «c’è un fatto normale di ricambio e per riavvicinare i cittadini il metodo per garantire un ricambio in maniera più democratica e più partecipata è quello delle primarie, vere sul modello americano, libere e aperte, non come quelle che ha fatto il Pd per fregare Matteo Renzi». Così il sindaco di Verona Flavio Tosi, intervistato da Class tv, spiega la sua volontà di proporsi per la premiership del centrodestra attraverso le primarie. «Dopo Silvio Berlusconi -aggiunge- il modo migliore per individuare un nuovo leader del centrodestra sarebbe le primarie dove Tosi e altri dieci, venti, trenta candidati dell’area di centrodestra si confrontano».

Quanto alle critiche rivoltegli da Umberto Bossi, «è verissimo -sottolinea il sindaco di Verona- che il sottoscritto ha ricoperto ruoli di prestigio grazie alla Lega e chi fa parte della Lega cerca di fare in modo che il movimento al quale appartiene possa crescere nella fiducia e nei consensi. Non vedo perchè la Lega non possa esprimere uno o più candidati da confrontare con uno o più candidati del centrodestra» per la premiership. Infine Tosi, a proposito della fondazione che nascerà a settembre, spiega che «non è e non sarà mai un partito, serve per mettere a punto il programma e le persone che sostengono questa battaglia per le primarie».

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Un candidato di nessuno per primarie che non sono state indette per una leadership che sarà decisa e imposta dall’azionista principale (Berlusconi).

    Ma di che cosa sta parlando, questo qui?

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Per la Kyenge ministero dell'Immigrazione e dell'Occupazione

Articolo successivo

Zaia ne approfitta: "Bene le dichiarazioni di Tosi"