TOSI: “FACCIAMO COME IL SUD-TIROLO, CONTRATTIAMO CON ROMA”

di REDAZIONE

”La Lega Nord deve fare come la Svp: contrattare con il Governo i vantaggi per il territorio”. Lo afferma Flavio Tosi, sindaco di Verona, candidato alla segretaria della Liga Veneta. ”La Lega Nord a livello locale si salva, per quanto riguarda cio’ che si e’ fatto nel territorio, ma a livello nazionale gli ultimi sono stati anni disastrosi – ha ammesso Tosi ad ”Antennatre” -.

Dopo 3 anni e mezzo di Governo con Berlusconi, i nostri militanti ci dicevano: ma a Roma che cosa avete fatto? Ed era difficile dare una risposta, al di la’ di quanto fatto, in maniera brillante, da Roberto Maroni come ministro dell’Interno. Infatti, rispetto all’obiettivo principale, il federalismo fiscale, siamo rimasti a meta’ del guado. E poi ci ha pensato Mario Monti a spazzare via tutto”.

Per Tosi, che oggi presentera’ la sua giunta, con 7 componenti della sua lista e 3 della Lega Nord, bisogna quindi ”ritornare su questo tipo di tematiche, contrattando con Roma cio’ che serve al territorio, sull’esempio di quanto fa la Svp in Alto Adige, la quale mette a disposizione del governo che c’e’ a Roma, qualunque esso sia, i suoi voti per contrattare i vantaggi per il proprio territorio”. ”La Lega – secondo Tosi – deve tornare a fare questo. Deve confrontarsi – insiste il sindaco di Verona – con il sistema di Roma e dire: noi vogliamo il federalismo fiscale, sperando ad essere il primo partito del Nord, e imporre il cambiamento. Certo, bisogna che cambi la legge elettorale, anche se, dobbiamo ammetterlo, l’abbiamo fatta noi”.

Tosi, inoltre, non esclude che a carico di Umberto Bossi possano essere presi provvedimenti di espulsione, come nel caso di Belsito, Mauro, Stiffoni ed altro. ”Bisogna vedere i fatti ed applicare le regole a prescindere dai nomi e cognomi” ha risposto tosi al direttore di ”Antennatre”, Domenico Basso, che gli chiedeva se Bossi rischia di essere cacciato dalla Lega Nord. ”Se emergesse il fatto che Umberto Bossi possa aver autorizzato effettivamente le spese di cui si parla per esigenze familiari, con i soldi del partito o i fondi pubblici, e’ chiaro che nei suoi confronti la Lega Nord dovrebbe prendere dei provvedimenti” ha detto Tosi, precisando che questi spetterebbero, comunque, alla segreteria federale che verra’ eletta dal prossimo congresso. E questo vale, secondo Tosi, per tutti coloro che nella Lega Nord sbagliano nell’uso delle risorse. ”Bisogna che la Lega Nord per prima – ha aggiunto Tosi – faccia questa verifica, senza attendere quella della magistratura, che ha tempi lunghi”. Verifica tanto piu’ necessaria perche’ puo’ essere che, secondo Tosi, le autorizzazioni di spesa siano avvenute all’insaputa di Bossi.

Poi ancora: ”Il Veneto sarebbe rappresentato benissimo da Luca Zaia – ha dichiarato Tosi sempre  ad ”Antennatre” – perche’ e’ uno dei cavalli di razza che ha le Lega in Veneto”. Secondo Tosi, se il prossimo segretario federale, ”come immagino e come spero, sara’ Roberto Maroni, e’ normale che il vicesegretario sia un veneto perche’ le due colonne del movimento sono la Lombardia ed il Veneto e anche perche’, come sostiene lo stesso Maroni, non deve piu’ esserci un uomo solo al comando, ma un gruppo di persone che lavorano in maniera coesa e coerente con gli interessi del partito”.

FONTE ORIGINALE: AGENZIA ASCA

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

STIPATI SUL BARCONE VERSO L'AFRICA PER CERCARE LAVORO

Articolo successivo

BRINDISI: NELLE BOMBOLE NON C'ERA GAS. L'ATTENTATORE? UNO SQUILIBRATO