TERRENO ESPROPRIATO 25 ANNI FA: ORA GLI CHIEDONO L’IMU

di GIORGIO CALABRESI

Il Comune esproprio’ il suo terreno, 25 anni fa, per poi costruirci sopra la scuola materna. Ora la famiglia dell’allora proprietario di quell’area ha ricevuto la richiesta di pagamento dell’Imu della scuola. Il caso avviene in Lunigiana, a Villafranca. ”Un privato cittadino deve pagare l’Imu della scuola materna pubblica”, ha denunciato il consigliere comunale e deputato del Pdl Lucio Barani. Immediata la replica del sindaco di Villafranca, Pietro Cerutti (centrosinistra). ”Si tratta di una polemica ridicola – dice -. Basta che l’ex proprietario del terreno faccia una istanza al catasto per risolvere il problema. E’ un errore formale del catasto. Ma il cittadino dovra’ pagare l’Imu?. e’ stato chiesto al sindaco. ”Ma no – e’ la replica del primo cittadino -, non deve assolutamente pagare”.

Il caso del terreno espropriato ha sullo sfondo anche una polemica tra i due candidati che due anni fa si contesero la poltrona di sindaco: Barani per il centrodestra e Cerutti per il centrosinistra. Vinse quest’ultimo per 500 voti in piu’. ”A Villafranca si e’ ormai toccato il fondo – sostiene Barani – da 25 anni quel terreno non e’ piu’ nella disponibilita’ della famiglia che si e’ vista recapitare il pagamento dell’Imu. L’attuale situazione catastale non sanata sicuramente complichera’ la vita all’erede del proprietario del terreno privato espropriato e che non e’ mai stato oggetto da parte del Comune di variazioni catastali. Come dire: becco e bastonato” ”Ma da che pulpito viene la predica – commenta Cerutti -. Barani e’ stato cinque anni sindaco di Villafranca e perche’ non lo ha risolto lui il problema?”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

A STOCCOLMA IL PRIMO CONGRESSO MONDIALE CONTRO LA JIHAD

Articolo successivo

FINANCIAL TIMES: "EUROPA PIU' PICCOLA E SOLO COL NORD ITALIA"