Tamponi molecolari in farmacia, la prevenzione vale più di un pezzo di carta

Si allarga l’offerta di tamponi Covid nelle farmacie lombarde, dove oltre al test rapido antigenico sarà possibile richiedere anche quello molecolare. Lo prevede il protocollo d’intesa stipulato tra Federfarma Lombardia e Federlab Italia, una delle maggiori associazioni di laboratori di analisi cliniche e centri poliambulatoriali privati accreditati con il Servizio sanitario nazionale (oltre 2.000 strutture in tutto il Paese), sottolinea una nota dell’associazione regionale fra i titolari di farmacia. “La Lombardia, grazie a questo accordo quadro – si legge – diventa così la prima regione dove le farmacie possono effettuare i prelievi per l’esecuzione dei test molecolari”. Non solo Covid. Nel prossimo futuro – prosegue Federfarma – l’accordo con Federlab consentirà di estendere l’offerta diagnostica, dando alle farmacie lombarde la possibilità di diventare “a tutti gli effetti un punto d’accesso e di prenotazione per le prestazioni di laboratorio, con la comodità di un servizio capillare, fruibile in un’ampia fascia oraria e a un costo vantaggioso per il cittadino”. In base a quanto stabilito dal protocollo, l’associazione dei laboratoristi garantirà agli esercizi di Federfarma Lombardia la disponibilità della propria rete di strutture di Sorveglianza integrata Covid (Sic), fornendo tutto il materiale necessario per l’esecuzione dei prelievi. Il materiale sarà poi ritirato da Federlab per essere sottoposto ad analisi nei laboratori dell’associazione.
 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Mentre pensano solo a parlare di migranti sono spariti 350mila autonomi

Articolo successivo

Dal governo politiche insufficienti. Basta ripetere a vanvera che il turismo è la nostra ricchezza