Svizzera come il Veneto? Pronti a ripartire.


Come stanno dall’altra parte dei confini chiusi?

La tv svizzera scrive chiaro e tondo che si riparte prima della fine del mese.
Le decisioni su quando e come avverrà l’allentamento dei provvedimenti a livello federale saranno prese nel corso della prossima seduta, in programma il 16 aprile.

La presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga ha fatto sapere che “un alleggerimento delle misure sarà possibile a piccoli passi, sempre mantenendo le regole di distanza e di igiene”. Le attuali misure continueranno fino al 26 aprile e nel frattempo si valuterà come procedere all’alleggerimento, che inizierà prima della fine del mese, ha aggiunto Sommaruga.

Il Consiglio federale, basandosi su dati della SECO (Segreteria di Stato dell’economia) “sostiene che potrebbero venire innescati effetti economici di “secondo impatto” come ad esempio un’ondata di licenziamenti e di insolvenze. Più il confinamento forzato dura, più questi effetti sono probabili.
L’economia è fortemente colpita dalle misure dovute al coronavirus. La disoccupazione è salita al 3% e la produzione è crollata in media del 25%, ma le misure stanno funzionando”, ha detto il consigliere federale Guy Parmelin ai media a Berna.

Se il crollo dovesse rivelarsi più grave e se dovesse innescare effetti di secondo impatto, il tenore di vita in Svizzera ne risentirebbe in modo tangibile e assolutamente fuori dal comune. Nel peggiore dei scenari, il Pil potrebbe scendere di oltre il 10%”.
Tuttavia nonostante il quadro economico, la Svizzera prova in sicurezza a ripartire. Come tenta il Veneto di Luca Zaia, che sta facendo una partita in solitaria rispetto all’asse politico del centordestra al Nord. E fino ad ora la strategia dei tamponi e dei test a tappeto gli sta dando ragione. Veneto come la Svizzera?

di fatalità av

Print Friendly, PDF & Email

4 Comments

  1. M A G A R I !!!!!!!!!!!!!!!!
    Roma ci tiene con le catene ma è contro il suo stesso interesse ed è qui che casca l’asino.
    Purtroppo possiamo sperare solo quando questo governo andrà a casa.
    Ma ci sarà un domani, qualcuno del centro destra ad ostacolare le autonomie differenziate?
    Purtroppo penso di sì ed allora scoppierà il putiferio.
    WSM

  2. Una cosa e’ certa…questa pandemia ha messo in luce l’efficienza delle regioni e la nullita’ dello stato centrale… con un presidente che balbetta, procrastina, e non perde occasione per denigrare e le diverse attitudi efficientiste dei coordinatori di Regione attive sul campo d’azione… in un prossimo futuro dovremmo tenerne conto.

  3. Quanto bello sarebbe avere una Venetia (Veneto e Friuli) indipendenti, sul modello Svizzero? Ogni provincia un piccolo cantone, che possa sfruttare le proprie peculiarità, mi riferisco ad esempio alle zone di Belluno e Rovigo, le quali potrebbero adottare misure sempre leggermente diverse, seppur in linea con quanto espresso da Venezia.
    W SAN MARCO.

    • Idem vorrei per la Lombardia… Se poi si facesse una federazione Lombardo-Veneta (o viceversa) sarebbe ancora meglio. Capitale politica a Venezia ed economica a Milano. (Ogni provincia, o aggregazione di) potrebbe essere un Cantone.

      Avremmo un surplus fiscale, a politiche immutate, del xx% del PIL e un credit rating AAA come la Svizzera. Una massa critica, economica, di superficie e popolazione, tale da non essere assolutamente ignorati dalla UE, ci cui io continuerei a far parte anche dato che, in quello scenario, EUR e i suoi lacci e lacciuoli sarebbero gli ultimi dei n ostri problemi.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Macroregione del nord.L’unica soluzione al neocentralismo italiano

Articolo successivo

Senzasconti, Rigano e Usuelli in collegamento con Antenna 3