Sud Tiroler Freiheit: via il tricolore, vestiva il fascismo

tricolore-maglie

riceviamo e pubblichiamo

Il Consigliere Regionale della Sud-Tiroler Freiheit Bernhard Zimmerhofer richiede per il Sudtirolo una propria regolamentazione per l’esposizione dei bandiere. Le attuali leggi statali che prescrivono il tricolore sugli edifici pubblici sono un poco sorpassate.

Anche in altre regioni dei Paesi Europei le disposizioni relative alle bandiere sono meno rigide che in Italia. In Germania, per esempio, alcuni Lander, ma anche lo Stato, si limitano a delle raccomandazioni. In Austria non esistono doveri  di legge per le bandiere negli edifici.

Bernhard Zimmerhofer rammenta che molta gente ha subìto in Sudtirolo molte traversie dolorose sotto il tricolore italiano durante il periodo del Fascismo e anche dopo.

Zimmerhofer conclude che il tricolore viene percepito come una provocazione e un simbol odi una italianità imposta fino alle misure repressive , che devono ricordare ai Sudtirolesi in quale Stato essi vivono.

 

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Il Fatto quotidiano: la lingua veneta non esiste. Certo, tra poco parleremo solo arabo

Articolo successivo

Trovatemi un musulmano che rinneghi l'Isis...