/

Su fb Zaia la protesta: “Caro Salvini, meno Vergine Maria e più autonomia”. Callegari: ma non bastava un giorno per fare l’autonomia?

madonnina grandate

di CORRADO CALLEGARI – Chi di social ferisce, di social perisce. A rimbalzare le critiche sull’operato di Matteo Salvini sono però le pagine di Luca Zaia che sul profilo di Facebook raccoglie gli uomini e i sentori del popolo veneto. Cosa che non è sfuggita alla Tribuna du Treviso, tanto da farne un cameo di riflessione.
C’è stato in particolare un commento a innescare la discussione. Quello che afferma Schermata 2019-08-22 alle 14.28.26il commentatore non fa una piega e smentisce l’idea di un fronte monolitico a sostegno di Salvini. Era ora. Nelle democrazie, il dissenso non si può far tacere.

“Il Capitano ha tradito al Senato. Ha nominato la Vergine Maria ma mai l’autonomia”.

Dice tutto in poche parole. C’era una volta la Lega che proclamava la laicità del movimento. Che fine ha fatto? Sui temi etici piena libertà ma, soprattutto, nessuna commistione tra sacro e profano, nessun accostamento di simboli sacri con la politica. Conte l’ha definita lucidamente “incoscienza religiosa”, lontana anni luce da una coscienza religiosa che si coltiva nel proprio intimo. Non sono i santi e le madonne a fare le leggi, semmai è la lucidità e il senso di responsabilità a illuminare la mente di chi governa. In nome del popolo, non di Dio. Napoleone, lo hanno avvelenato. Oggi basta molto meno per essere fatti sparire in esilio.

Non credo leggeremo più che se hanno la maggioranza l’autonomia la faranno in un giorno.

 

Corrado Callegari, responsabile confederazione Grande Nord Veneto

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Aveva ragione Oneto: l'Italia non esiste

Articolo successivo

Lega in saldo