Stato boia, 45 miliardi di tasse. E poi non serve l’indipendenza per arrivare a fine mese?

boiadi GIULIO ARRIGHINI

Comprendiamo che a fine mese quando si fanno i conti, a parlare di indipendenza si rischia di essere mandati a quel paese. Allora facciamo anche noi due conti, perché lo Stato che ci fa morire di fame, prima ancora di arrivare alla terza settimana, è lo Stato boia italiano: oltre 45 miliardi di euro di tasse in più in cinque anni. Lo sapevate? Le entrate tributarie nel nostro Paese correranno molto più del pil e aumenteranno, complessivamente, tra il 2014 e il 2018, di 45,7 miliardi. Il gettito raggiungerà quota 487,5 miliardi alla fine di quest’anno e crescerà costantemente negli anni successivi fino a raggiungere i 531,6 miliardi del 2018. Sono i dati che peschiamo da un’analisi del Centro studi di Unimpresa. Il rapporto dell’associazione, che ha preso in esame la Nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza approvata il 30 settembre dal consiglio dei ministri, ci dice che il peso del fisco è destinato a salire molto più velocemente rispetto all’andamento del prodotto interno lordo.

Rispetto al 2013, alla fine di quest’anno lo Stato incasserà 1,6 miliardi in piu’ da imprese e famiglie che assicureranno un gettito di 487,5 miliardi di euro. In termini percentuali si tratta di un incremento lieve, lo 0,34% in più, ma che va nella direzione opposta rispetto all’andamento dell’economia, prevista in calo dello 0,3% secondo il Def approvato dal Governo. Una doppia velocità che si registra costantemente anche nelle previsioni degli anni successivi.

Il gettito tributario nel 2015 arriverà a 493,7 miliardi in aumento di 6,2 miliardi rispetto a quest’anno: tasse in crescita dell’1,27%, mentre il pil dovrebbe salire solo dello 0,5%. Nel 2016 lo Stato incasserà 507,9 miliardi di euro con un incremento di 14,1 miliardi sull’anno precedente: in termini percentuali la crescita delle imposte e’ pari al 2,88% che va raffrontata con lo 0,8% della crescita economica. Nel 2017 la situazione è sostanzialmente identica: grazie a un incremento di 11,1 miliardi sul 2016, il gettito tributario arriverà a 519,1 miliardi in aumento del 2,19% e col pil in crescita dell’1,1%. Chiude il conto il 2018, quando le tasse versate da aziende e cittadini nelle casse dello Stato saranno pari a 531,6 miliardi in aumento di 12,5 miliardi sull’anno precedente: vale a dire +2,42% e pil più lento all’1,2%. Nel quinquennio 2014-2018 le tasse pagate dai contribuenti in Italia arriverebbe a toccare 2.540,1 miliardi di euro.

E adesso che abbiamo letto e diffuso l’analisi, dobbiamo ancora chiederci che tipo di Stato vogliamo?

Giulio Arrighini, segretario Indipendenza Lombarda

 

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Mi auguro che tutti quei dati, e tutte quelle percentuali vadano “a farsi benedire” quanto prima, perché non vi é alcun rimedio con uno stato canaglia italiota e una manica di governanti ancora più canaglia, incapaci e malvagi. Vedo, mi auguro prima e molto prima del 2o18 la polverizzazione di questa Itaglia “una e indivisibile”, ogni regione indipendente a mio avviso é la soluzione di tutti i mali di questo povero popolo italiano.

  2. Questi sono i veri problemi. Non le boiate dei servi di questo regime di estorsori e di ladri.
    Basta Zaia! Facci votare! Fra qualche anno ti ricorderanno tutti. Altrimenti finirai fra gli illustri dimenticati. Indiopendenza!!!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

La Catalogna celebra i Castellers de Vilafranca con Mas

Articolo successivo

La sedia elettrica delle bollette: la metà in tasse. Authority, ti gratti o ci sei?