Stai sereno, Conte

renzi1

di Valter Roverato – E così Renzi, che doveva ritirarsi a vita privata se avesse perso il referendum, che poi ha perso, Renzi che doveva fare il “semplice senatore” dato che prima non si era ritirato, ecco, quel Renzi là adesso se ne va dal suo partito e ne fa un altro suo personale, nuovo di zecca (?). Altro partitino nella galassia partitocratica italiota, nato solamente per partecipare con più peso, dato che porta con sé almeno un ministro (se non due), alla spartizione di altre poltrone dei vari enti a partecipazione statale che prossimamente ci sarà.
Bene, andiamo avanti così, Italia, con decine e decine di partiti, ognuno che conta quasi zero, nati per soddisfare “esigenze” personali di qualcuno (leggi: sedie ben retribuite). Che non ci si lamenti poi se la percentuale di votanti ogni volta cala inesorabilmente: c’è chi non si sente rappresentato da alcun partito (leggi: Nord e sue istanze), c’è chi si stufa di queste sceneggiate tutte italiane, c’è chi si perde nella succitata galassia di partiti, c’è chi votava per un partito ed ora non è più quello di prima (vero, Salvini?, vero Giggino?), e così via. Beh, qui si tratta evidentemente di tentare la sorte, dato che anche “Liberi ed uguali” per esempio, non aveva certo numeri da capogiro, per così dire, e poi ora si trova al governo del paese addirittura con ministri e sottosegretari, quindi, se ti va bene, ti crei il partitino, e poi speri che in qualche modo, in qualche stanza dei palazzi romani, si faccia magari un “governo dei perdenti” che ti coinvolga ed ecco che ti trovi ad essere magari anche ministro.

Certo che però il futuro governo Conte-2 non dovrà temere per la sua tenuta: Renzi ha già provveduto ad avvertire telefonicamente i presidenti delle Camere e Conte stesso, e ha assicurato che sarà leale al governo e non farà mancare la sua fiducia….. probabilmente li avrà chiamati ed avrà detto loro: “stai sereno….”, e dall’altra parte si saranno toccati da ogni parte, ricordando Enrico Letta….

Cari Veneti, cari abitanti del Nord, volete proprio proseguire a far parte di questo paese chiamato Italia? Se sì, sappiate che a roma ci sarà sempre qualcuno che ci dirà “state sereni”, mentre intanto si farà gli affari suoi a nostro scapito, e coi soldi delle nostre tasse…. E non servirà a nulla toccare ferro (od altro…).

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. ripetono i giochi che noi attempati facevamo fra coetanei o quasi quando eravamo piccoli e tentavamo di accapparrarci gli amici: stai con me, così giochiamo… Solo che loro giocano col destino di tutti noi, se continuiamo a dargli retta…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Un'altra riforma pensioni? Se non c'è lavoro, non ci sono i lavoratori per pagarle

Articolo successivo

#Senzasconti, Mariani, Iurati e Moretti con Bernardelli martedì su Antenna 3