Sicilia: Crocetta vuol affidare a Ingroia la riscossione delle tasse

di REDAZIONE – http://palermo.ogginotizie.it 

Il presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta, punta sull’ex pm Antonio Ingroia per la guida la società di riscossione tributi siciliana “Riscossione Sicilia”, le cui quote sono per il 90% di proprietà della Regione, e per il restante 10% di Equitalia.

Già da giorni Crocetta ha denunciato il pesante fenomeno dell’evasione e dello spreco milionario in atto nella regione, oltre ad una gestione tutt’altro che trasparente della stessa azienda. Per questo ha giudicato ottimale poter contare su un personaggio di provata onestà e rettitudine come Ingroia, che sarebbe anche nell’imminenza di rientrare nella magistratura. L’ipotesi Valle d’Aosta quindi pare sfumare dopo l’incontro che lo stesso Ingroia ha avuto con Crocetta a Palazzo d’Orleans, in un colloquio che, secondo indiscrezioni, è servito a vagliare diverse ipotesi. Alla fine, l’accordo è stato raggiunto, come conferma lo stesso Crocetta. ll compenso che Ingroia potrebbe percepire si aggirerebbe sui 50mila euro all’anno, anche se è prematuro fare valutazioni.

In ogni caso appare certo che, dopo l’esperienza mancata di “Rivoluzione Civile”, che non ha raggiunto il quorum per avere parlamentari al governo, Ingroia sia sempre impegnato, come lui styesso dochiara “per unire, per ricomporre i pezzi”, dando l’idea di lavorare affinché non si disperda, nel centrosinistra, il consenso popolare riscorsso dall’ex pm.

 

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

  1. Vediamo se sarà tanto deciso a combattere l’evasione anche quando si parla dei suoi conterranei e non di quelli “del nodde”. Sarebbe una bella prova di coerenza.

  2. …è la prima volta che mi vede solidale e vicino ai poveri amici siciliani, amici di sventura di equitalia.
    Almeno voi non piegatevi agli sgherri di equitalia… auguri

Rispondi a Luca Annulla risposta

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Ecco la costituzione dello Stato maccheronico italiano

Articolo successivo

La Tares sarà una stangata! Di almeno il 140% rispetto a prima