Federconsumatori: adesso basta! Tasse insostenibili

di REDAZIONE

L’aumento della tassazione nel 2012 ha i raggiunto livelli insostenibili: secondo i calcoli dell’Osservatorio Nazionale Federconsumatori, tra aumento dell’Iva, Imu, accise, addizionali e bolli, sara’ pari a +1.157 euro a famiglia. ”Per far fronte a tale incremento – afferma Federconsumatori – una famiglia dovra’ fare a meno dell’importo di una tredicesima. Una vera e propria batosta che si abbattera’ sui bilanci delle famiglie, gia’ alle prese con i rincari di prezzi e tariffe.

Non dimentichiamo, infatti, che alla stangata della tassazione si aggiungono le ricadute indirette su prezzi e tariffe, principalmente dovute all’Imu ed ai carburanti”. La rivalutazione (sia in termini di aliquota, sia in termini catastali) dell’Imu per i locali commerciali, per le aziende e per gli uffici, nonche’ la reintroduzione di questa imposta sui casolari agricoli, ”si scaricheranno inevitabilmente sulle tasche dei cittadini, attraverso un aumento di prezzi e tariffe pari a +210 euro annui, ed inoltre le ricadute indirette dell’aumento delle accise sui carburanti determineranno una ricaduta di circa +117 euro annui sui prezzi di beni e servizi”. In questo modo l’ammontare dell’aumento della tassazione e delle sue ricadute raggiungera’ quota 1.484 Euro annui a famiglia.

Tutto cio’ avra’ ripercussioni estremamente gravi sull’intera economia, determinando un’ulteriore frenata dei consumi, ed effetti negativi sull’intero mercato. ”Per far fronte a tale situazione e’ urgente annullare qualsiasi ipotesi di ritocco della tassazione – dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti – ed inoltre, che il frutto della lotta all’evasione fiscale e dell’eliminazione di sprechi e inefficienze sia restituito esclusivamente alle famiglie a reddito fisso, attraverso un abbattimento della pressione fiscale a partire dalla defiscalizzazione della prossima tredicesima mensilita”’.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

"Scandaloso" Borghezio: Roma puzza, è una città schifosissima

Articolo successivo

Verona, un pagliaccio e 1000 volantini contro Cavour