Soppresso il Cashback. Invece è tutta una finta

Pensavate che sarebbe finita lì con il Cashback? Per un po’ ci si è illusi che il governo avesse messo giudizio, invertendo la rotta dei fondi per gli acquisti (molti di questi seriali e demenziali) con la carta di credito. Invece no.

Il Cashback e il Supercashback, il rimborso speciale da 1.500 euro per acquisti con carte elettroniche ai primi centomila aderenti che abbiano totalizzato il maggior numero di transazioni, saranno sospesi per il secondo semestre del 2021 ma riprenderanno nel primo semestre del 2022. E’ quanto prevede lo schema del decreto sul lavoro per il pre consiglio dei ministri. Anche per il Supercashback, cosi’ come il Cashback, saranno erogati dopo alcuni mesi: in questo caso sono anche previsti 120 giorni per fare un reclamo e 30 concessi a Consap valutarli.

Ad oggi sono stati sprecarti così la bellezza…? Ecco gli stanziamenti: 2,2 milioni di euro per il 2020, 1,750 miliardi di euro per l’anno 2021 e di 3 miliardi di euro per l’anno 2022. Le imprese chiudono ma la cosa più importante è rifinanziare chi traccia le spese. Anche le più banali e minime. Che statisti!

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

I 5 Stelle verso la fine. Si sono mandati a vaffa da soli

Articolo successivo

Palù, perché dalla Cina non si pretende ancora la verità? Non è missione impossibile ispezionare i data base