SONDAGGIO: FACCIAMO LA SECESSIONE DA FORMIGONI?

di REDAZIONE

“Ormai gliene arrestano uno al giorno”! L’Umberto Bossi più opaco di tutta la sua storia è riuscito a pronunciare queste parole dal palco di Milano. Il destinatario? Roberto Formigoni, Celeste Governatore della Regione Lombardia ormai da quasi 17 anni filati. Bossi ha un po’ esagerato, ma in effetti la maggioranza di Formigoni non sta messa benissimo, visto che in pochi mesi si sono aperte le porte del carcere per due ex assessori del Pdl, Nicoli Cristiani e Ponzoni, e poi c’è sempre sullo sfondo la vicenda San Raffaele e l’inchiesta che ruota intorno a Piero Daccò, faccendiere con marchio ciellino, finito anche lui nelle patrie galere, e sul cui yacht il presidentissimo dal look modaiolo amava trascorrere qualche giorno di vacanza. Ammesso e non concesso che quello di Bossi è un suo tipico abbaiare per lanciare qualche messaggio all’amico Silvio, la “Lega degli onesti”, quella a cui vorrebbe tornare Roberto Maroni, un tempo non ci avrebbe pensato né uno né due a spegner la luce sia al Pirellone che al Formigoni (il nuovo palazzo della Regione Lombardia). E a mandare i lombardi a nuove elezioni. Adesso, invece, ci sono troppe poltrone da salvare, a cominciare da quella del vicepresidente Gibelli per arrivare all’assessore Bresciani, ma soprattutto a quella del Trota, perché se Formigoni si dovesse dimettere, vanno a casa tutti. E fine dei 10 mila euro netti al mese, fino al prossimo turno.

Ai nostri lettori, nel sondaggio che trovare nella colonna di destra, chiediamo allora se, alla luce di tutto quanto sta accadendo, anche se Formigoni non viene toccato personalmente, non sia il caso che il Celeste si prenda un meritato riposo, cioè che la sua Giunta, compreso tutto il grumo di potere non sempre trasparente che intorno ad essa s’è incrostato in 17 anni senza ricambio, e tutto il Consiglio regionale (dove per la cronaca siede ancora pure Filippo Penati, giusto per fare pari e patta) se ne vadano a casa e consentano ai lombardi un bel ricambio d’aria. Oppure se le cose debbano proseguire così. Votate!

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

LE PROTESTE DEI TIR DILAGANO DA SUD A NORD

Articolo successivo

EVASIONE FISCALE: LA MAPPA REGIONE PER REGIONE