Sondaggio: al Nord il 46% è per la secessione e il 62% pro Euro

di GIANMARCO LUCCHI

Il sito www.scenaripolitici.com di tanto in tanto testa il sentimento secessionista dell’Italia. Lo aveva fatto lo scorso gennaio con un sondaggio regione per regione (ripreso anche dal nostro giornale) dal quale era risultato che al Nord il 44% della popolazione era favorevole alla secessione, dato che scendeva al 29% nelle regioni rosse per antonomasia, per sprofondare al 18% nel Centro-Sud. In totale su tutto il territorio nazionale il dato dei favorevoli alla divisione del Paese si situava al 30%.

Ora  viene riproposta una nuova rilevazione che riguarda solo il Nord e che prende in esame la posizione rispetto alla secessione degli elettori dei vari partiti. Stando a questo sondaggio (che trovate nella tabella) il 100% degli elettori dei movimenti indipendentisti e autonomisti è per la secessione, mentre i leghisti lo sono al 95%. Una bella maggioranza di secessionisti c’è anche nel Pdl: addirittura il 65% secondo la rilevazione in oggetto. Mentre non è da trascurare una presenza del 35% di secessionisti fra gli elettori del Movimento 5 Stelle, a conferma che fra i grillini non è poca cosa la presenza di ex leghisti. In assoluto gli elettori meno secessionisti, sempre relativamente al Nord, sono quelli del Pd e della Federazione della Sinistra con il 5%. In totale al Nord gli elettori favorevoli alal secessione sarebbero il 46% contro il 44% di sei mesi orsono.

A fianco viene pubblicato anche un referendum che testa il sentimento verso l’euro. Il 62% degli elettori del Nord sono favorevoli alla moneta unica. Ma leghisti ed indipendentisti sono contrari. Il PDL è diviso.

Per il centrosinbistra l’Euro è un vero e proprio totem, punte del 90% per gli elettori PD, maggioranza schiacciante anche per gli altri partiti, SEL e IDV su tutti. Si scosta solo FDS che è contraria col 55%. Nel M5S i contrari all’Euro, 45%, sono in maggioranza rispetto ai favorevoli, 40%.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Riduzione dei parlamentari e legge elettorale: kamasutra democratico

Articolo successivo

SGC, il partito di Rosi Mauro e Bodega pronto ad accogliere Bossi