Solo ora Lombardia vaccina disabili gravi a domicilio. Rizzi: vergogna

 

di Monica Rizzi – Mi vergogno per chi non si vergogna. In Lombardia gli ospiti delle Residenze socioassistenziali per disabili sono stati quasi tutti vaccinati; la vaccinazione a domicilio per i disabili gravi invece è iniziata questa settimana con l’ingaggio dei medici di base.

Dobbiamo felicitarci o pensare che avrebbero dovuto essere i primi della lista? La notizia arriva dal direttore generale del welfare lombardo Giovanni Pavesi, durante un’audizione in Commissione. “Oggi in Giunta viene approvata una delibera che ci consente di contrattualizzare le cooperative dei medici di base – ha aggiunto Pavesi – Il nostro orientamento è la vaccinazione anche dei caregiver, ma al momento può essere un problema perché andrebbe fatto con AstraZeneca. Con la riapertura di AstraZeneca includeremo nella vaccinazione anche familiari conviventi”.

Ci si orienta solo ora? E prima no?

Riguardo i vaccini Astrazeneca, Pavesi ha spiegato che in Lombardia in questa fase i vaccini sono stati destinati alle forze dell’ordine, “la cui somministrazione è ormai praticamente esaurita, e agli insegnanti, ai quali sono state somministrate 35mila vaccinazioni nei primi giorni. Attendiamo il pronunciamento in programma domani da parte dell’Ema. Vediamo – ha concluso – di poter riprendere al più presto”.

Magari rendendo conto ai cittadini delle falle del sistema di prenotazione, delle code inutli, degli anziani chiamati per errore…

Per fortuna ci sono i manager della sanità!

 

Monica Rizzi, Segretario organizzativo Federale Grande Nord

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Pil: Confcommercio, -4,7% a marzo con nuovo stop, atteso -1,5% nel I trimestre

Articolo successivo

5 Giornate: Cattaneo, quali città possono risorgere?