/

Social card, Salvini figlio di Renzi. Quando Lega incassa, il governo scassa il Cav

berlusconi cornadi ROBERTO BERNARDELLI

Una delle prime regole che insegnano in politica è “lascia che il tuo nemico sbagli”. E infatti, spesso basta star fermi e non agitarsi e attendere che l’avversario cada in errore. Oppure, sempre in politica, si regalano assist alla controparte, ad un pezzo di opposizione, perché ne traggano un vantaggio a svantaggio di un altro pezzo di opposizione.

E quindi, maliziosamente parlando, mi viene da chiedere se la social card agli immigrati, con la fame e la dissoccupazione che c’è nel paese, con i pensionati alla miseria, sia davvero un errore o un piccolo vantaggio che Renzi ha offerto a Salvini, chiudendo un occhio, consapevole che la reazione sarebbe arrivata, furiosa e irritata, del leader leghista, offrendogli alla vigila del voto regionale, un altro tormentone in tema di immigrazione.

La Lega incassa, e Renzi così scassa il Cav. Siamo nell’era della fantapolitica o ci sta che nell’ascesa percentuale quotidiana di Salvini nei sondaggi a trarne vantaggio sia sempre e comunque il premier, che vede così le due opposizioni più temibili, Grillo e Forza Italia, perdere ogni giorno un passo? Un colpetto al giorno, toglie il nemico di torno.

Presidente Indipendenza Lombarda

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Eternit, il delirio della giustizia che si crede meglio di Dio

Articolo successivo

Lega come la Fiat, "privatizzare" gli utili e socializzare le perdite? Ma no certo!