/

Sindaci senza fascia tricolore, pericolosi secondo le Prefetture. Il 1° febbraio tutti a Cittadella

riceviamo e pubblichiamoveneto (1)

di Andrea ARMAN, Patrizio MIATELLO e  Franco ROCCHETTA*

Per lo Stato Italiano sono più pericolosi e meritevoli di rimozione i Sindaci Veneti che memori di una grande tradizione giuridica e civile si muovono quale parte pacifica, organica e feconda della Comunità Veneta, che i colleghi di altre parti della Repubblica Italiana indagati per reati comuni. Alcuni Sindaci Veneti, in svariate occasioni, hanno vestito una fascia con le insegne storiche ed attuali della Repubblica Veneta e per tale loro agire sono stati formalmente e pesantemente richiamati dal Prefetto di Padova – Organo del Governo dello Stato Italiano n.d.r. – il quale minaccia, addirittura, di procedere per ottenerne la sospensione o rimozione qualora non avessero ad ubbidire vestendo ed ostentando la fascia tricolore che nella contigua provincia di Bolzano il 99% dei Sindaci non esibisce.

Al di là delle fini questioni di diritto circa i doveri assunti dal Sindaco con il giuramento di leale osservanza della Costituzione Italiana, l’azione del Prefetto di Padova è un ulteriore segno della ferma volontà dello Stato Italiano di privare i veneti di ogni residua libertà proprio violando quei principi costituzionali che con ipocrisia afferma di difendere. Per lo Stato Italiano il Popolo Veneto è ancora un nemico, un pericolo; come lo era 150 anni fa quando con l’inganno e la violenza detto Stato Italiano ha occupato militarmente il Veneto. Da 150 anni lo Stato Italiano reprime e sfrutta brutalmente la gente veneta. Per lo Stato Italiano non è grave rubare, inquinare, truffare o associarsi in forma criminale.

 

Per lo Stato Italiano il pericolo viene dal Veneto da chi, nonostante la massiccia azione di disinformazione e cancellazione culturale, continua a sentirsi e dichiararsi fieramente Veneto. Noi Veneti non vogliamo e non possiamo scomparire come civiltà, non vogliamo diventare dei numeri nella società italiana e nel mondo globalizzato. Rivendichiamo il nostro diritto di esistere come popolo e come nazione nel reciproco rispetto con tutti gli uomini e le nazioni del mondo. La violenza e l’arbitrio dello Stato Italiano non uccideranno il Veneto ed il grande pensiero di libertà che da millenni in queste terre si è sviluppato.
Esprimiamo pertanto la massima solidarietà ai Sindaci colpiti dal provvedimento del Prefetto di Padova ed a difesa del nostro diritto di esistere come Popolo Veneto invitiamo tutti ad una pacifica e silenziosa manifestazione domenica 1 febbraio alle ore 15,00 a Cittadella. Solo con il Gonfalone Veneto che tutti ci unisce e che nel mondo, da secoli, rappresenta libertà e giustizia.
*VENETO ŁIÓN

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

  1. Che patetici..forti con i deboli e deboli con i forti..ma il prefetto non era un’istituzione fascista??…e come mai questa fantastica repubblica ad ispirazione partigiano/socialista li tiene ancora in vita??..aaaah già dimenticavo..perchè come i fascisti anche i comunisti hanno il mito del centralismo totale!!!!|!….Libertaaaa Democraziaaaa uguaglianzaaaa….si solo per chi la pensa come loro!!!!

    • QUELLI LA’ IO LI ETICHETTO KOMUNISTI e di DX e di SX e di CNT (meglio ripeterlo sempre).
      E la carta piu’ “BELLA” del mondo segue il diritto romano: le leggi si applicano contro il nemico e si ignorano se vanno contro l’amico. E dunque..? I musulmani o comunque INVASORI non sono nemici ma loro amici dato che non applicano la legge che li vede clandestini e forse anche pericolosi nemici.
      .
      I sindaci veneti, si nota o no, sono considerati nemici (non hanno il trikolur in spalla. MA SIAMO IN CASERMA..?) dato che i prefetti (di “casa nostra”) applicano la legge usando i KOMUNISTI DI DX..!! I FASCISTI per intenderci..! Quando non usano la cosiddetta mafia.
      .
      Fa tristezza constatare certe faccende trikoglionite e demokratike..!
      .
      Salam

      Ah: bacio le mani

  2. I Sig.Prefetti farebbero meglio a preoccuparsi di più dei clandestini che arrivano ogni giorno, tra le cui fila possono facilmente annidarsi i depravati criminali mercenari dell’ISIS,onore ai Sindaci che vestono i simboli della gloriosa Repubblica Veneta.
    Complimenti a chi ha scelto la foto che accompagna l’articolo,ci ricorda le disgrazie che i Veneti hanno dovuto subire dalla sabauda repubblica italiana,senza contare il gentile omaggio delle due guerre mondiali.
    L’Italia è nata male e finirà malissimo.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

La Lombardia non ha più soldi per spalare la neve. La faremo spalare ai politici

Articolo successivo

Atene, i sottomarini della Merkel e l'indegno spettacolo italiano per il Quirinale