SINDACI PER IL FEDERALISMO A VENEZIA. BUTTATE LA FASCIA NEL CANAL

di GIANLUCA MARCHI

Il presidente dell’Anci Graziano Delrio cerca di scaldare i motori in vista di domani, quando a Venezia andrà in scena la grande kermesse dei sindaci (sempre che non venga rinviata per via del terremoto, ma poco cambia rispetto a un successivo appuntamento) che, con tanto di fascia tricolore, torneranno ad accendere i riflettori su Imu e Patto di stabilità. «Saremo in tantissimi a Venezia, in gran numero arriveranno anche dai comuni più piccoli, e sarà una manifestazione bipartisan per chiedere al governo risposte efficaci su autonomia municipale e federalismo fiscale e demaniale», ha spiegato Delrio.

Il leader dei sindaci auspica che la manifestazione di Venezia possa rappresentare un passepartout per convincere il governo Monti ad avviare un processo di devoluzione dell’Imu e di superamento della logica dei trasferimenti. «Solo così – avverte il presidente dell’Anci – potremmo avere nel nostro Paese una seria autonomia fiscale e varare un municipalismo vero, magari con il lancio di un fondo immobiliare con tanto di ‘white list’, fondamentale per la realizzazione del federalismo demaniale, su cui in verità abbiamo già fatto più di un passo avanti nel corso dell’ultimo confronto con il premier Monti a Palazzo Chigi».

«Un vero federalismo può cambiare la storia dei Municipi italiani – dice ancora Delrio – e ciò sarebbe un passaggio decisivo dai tempi di don Sturzo, visto che ormai di questi temi si parla da circa cent’anni senza aver fatto mai nulla di concreto». In più aggiunge, «mi piace ricordare che la manifestazione dei Sindaci si tiene pressochè alla vigilia dell’approvazione da parte del Parlamento della Carta delle Autonomie, che ci sta molto a cuore. Se il governo decidesse di risolvere i problemi dell’autonomia municipale, la sospensione dei trasferimenti e il varo del federalismo demaniale, allora potremmo dire – spiega il presidente dell’Anci – che la legge 42 sul federalismo l’avremmo in realtà fatta noi».

 A Palazzo Chigi l’Anci aveva chiesto di far diventare interamente municipale l’Imu dopo il pagamento di giugno della prima rata, ma, dopo il no del governo, si starebbe valutando a livello temporale la scadenza di gennaio 2013. Per i primi di giugno è fissato un nuovo incontro con il governo con un primo pacchetto di risposte. Sul Patto di Stabilità, su cui i Comuni chiedono uno scorporo degli investimenti, una prima risposta dovrebbe arrivare entro il 10 giugno.

Vedete, cari lettori, fin qui abbiamo riportato l’annuncio di una manifestazione di carattere politico nello stile della classica informazione italica, asettica ma poi mica tanto visto che sembra attribuire alla kermesse di domani chissà quale potere salvifico, potere assegnato soprattutto a provvedimenti  e a sviluppi che questo governo dei tecnici non dimostra alcuna intenzione di far procedere. Qui sta andando a rotoli l’intero Paese e i sindaci dell’Anci, o meglio il loro presidente, pacato esponente dl Pd emiliano, ancora ci viene a strologare di federalismo demaniale. E soprattutto ci raffigura la categoria dei sindaci come sempre prona nei confronti dello Stato centralista, al quale bisogna andare a chiedere con il cappello in mano. Con la fortissima probabilità di tornare a casa con le pive nel sacco, se non di peggio.

D’altra parte cosa ci si può attendere di diverso da un esponente del Pd, cioè uno dei partiti pilastro del governo Monti? La speranza dovrebbe invece essere riposta nei sindaci con le palle disposti a confrontarsi brutalmente con lo Stato e il governo, a tutela delle rispettive popolazioni, perché è solo da queste che traggono la loro forza e dovrebbero ricordarselo soprattutto ora. Altro che sfilare con la fascia tricolore, buttarla nel canal dovrebbero (metaforicamente parlando) o quantomeno ripiegarla, e da lì cominciare una vera battaglia.

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

CHE IL TERREMOTO ACCELERI IL COLLASSO DELLO STATO

Articolo successivo

LA VIA PACIFICA ALL'INDIPENDENZA E' IL REFERENDUM DOVUNQUE