Si mangia meno carne. Pesano i prezzi e l’incertezza. Chiudono le macellerie

“Sappiamo che l’estate non è il periodo migliore per il consumo di carne, ma non ci aspettavamo un calo così consistente come quello attuale. Un crollo anomalo: stiamo assistendo infatti, rispetto ai valori dello stesso periodo del 2021, a riduzioni di vendite intorno al -15% per la carne suina, -8% per la bovina e -4% per le carni bianche. Il gran caldo di questo periodo influisce in modo pesante sulle nostre vendite, che dall’inizio del 2022 erano già scese di almeno il 10%”. Così Luigi Frascà, presidente Assomacellai-Confesercenti, che aggiunge: “I maggiori prodotti venduti nelle macellerie sono quelli tipici dell’estate come carni crude (battuta, tartare, albese) e petto di pollo. In calo, in particolare, quelli da cuocere arrosto, visto il caldo rovente di questa estate”. Più resilienti sono le macellerie che producono cibo da asporto, dove la riduzione delle vendite risulta minore rispetto alle classiche macellerie, in quanto commercializzano prodotti già pronti per il consumo, più pratici in estate. Anche in questi esercizi, comunque, si rilevano riduzioni di vendita di prodotti dal costo elevato”.

“L’incertezza economica – spiega Frascà – fa prediligere tagli meno pregiati e questo non aiuta un settore che viene da anni e anni di crisi, durante i quali molte attività sono state costrette alla chiusura”. Fra il 2009 e il 2022 a Torino ha chiuso il 18,7% delle 502 macellerie cittadine e la percentuale supera abbondantemente il 20% se si considera anche la provincia; fra il 2019 (ultimo anno prima della pandemia) e il 2022 le chiusure a Torino hanno superato il 6% e si sono attestate a poco più del 5% in provincia.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Alla canna senza il gas. Nord Stream 1 riduce al 20% il flusso

Articolo successivo

Crespi, sondaggi più attendibili a settembre. I vecchi schemi di Berlusconi? Direi superati...