Senzasconti, Severgnini, Catullo e Menichini

SENZA SCONTI, puntata 319. Martedì 23 marzo 2021, dalle 22.30 alle 23,30 in studio con Roberto Bernardelli ad Antenna 3 ci sono tre ospiti. Per intervenire in diretta: telefono: 02 32 00 46 240

(via Skype) Simone SEVERGNINI
Simone Severgnini è laureato in Comunicazione all’Università IULM di Milano. Diplomato attore dopo il quadriennio professionalizzante alla Scuola di Teatro Quelli di Grock, studia anche da musicista e danzatore. Allievo del maestro Eugenio Barba, accanto al lavoro da attore per le più importanti realtà italiane (ASLICO, Teatro Donizzetti per citarne alcune), porta avanti il lavoro da artista indipendente fondando la Compagnia Il Giardino delle Ore a Erba (CO) dove si specializza nel rapporto tra arte e paesaggio.

Gaia CATULLO

Diplomata alla Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi, importante Accademia d’arte drammatica italiana, Gaia Catullo è attrice professionista, regista e insegnante di recitazione.
“Consulente nell’area comportamentale”, è specializzata in Tecniche Creative con il Metodo Osborne – Parnes, alla Creative Education Foundation di Buffalo.
È impegnata nello studio e nello sviluppo del Teatro D’Impresa. Consulente teatrale e “form-attrice, è consulente nel campo dello sviluppo delle risorse umane, collabora con il canale televisivo QVC come presentatrice televisiva di prodotti e insegna recitazione presso la sua Scuola: Sagome Teatro.

Paolo MENICHINI
Paolo Menichini ha iniziato a suonare la chitarra da piccolo, la sua “passione – spiega – era il mangiadischi e con i 45 giri si è creato nel tempo un vasto repertorio anni 60/70”. A metà dei “favolosi” Anni Ottanta inizia a suonare nei piano bar; poi cresce la passione per la Canzone Milanese, con tanti spettacoli teatrali.
Dal 2002 è ospite frequente negli studi di TeleLombardia e ANTENNA3 come cantante nei programmi musicali. Fa parte del duo Gli StraMilano.
È compositore di canzoni milanesi e italiane.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Gallera all'attacco di Caparini. Problema non ero io, ma società voluta da assessore leghista

Articolo successivo

Sud, spesa pubblica dimezzata? Bernardelli: Draghi faccia bene i conti del residuo fiscale