Senza sconti, Albamonte, Avellino e Poloni ad Antenna 3

SENZA SCONTI, puntata 335. In studio con Roberto Bernardelli ad Antenna 3, ci sono tre ospiti. Per intervenire in diretta dalle 22,30 alle 23.30 il telefono è: 02 32 00 46 240

Francisca Carmen ALBAMONTE
“Argentina/ Calabro/ Meneghina e un amore immenso per l’Italia”, Paese d’origine dei suoi genitori, Albamonte dopo un percorso di studio alla Facoltà di Economia di Buenos Aires, decide di raggiungere gli affetti famigliari in Calabria. Dopo pochissimi anni si sposta a Milano. Qui si afferma nella professione, superando l’Esame di Stato di Consulente del Lavoro e aprendo il suo Studio di Elaborazione e consulenza Contabilità Fiscale – Gestione del Personale. Da pochi anni ha allargato il suo Studio accorpandolo a quello del suo Compagno di vita, anch’egli dottore commercialista. Da sempre dedica il suo tempo libero all’associazionismo: dalla difesa del ruolo della donna, al volontariato. Vent’anni di Rotary, oltre dieci anni in Fondazione Aiuto per la ricerca delle malattie rare (responsabile per la città di Milano). È presidente della Storica Sezione Milano della Fidapa BPW Italy. Tra le sue passioni anche la politica ma, ammette, “purtroppo oggi non sento più il coinvolgimento di una volta”…

Thomas AVELLINO
Nato a Milano il 26 Agosto del 1976, dopo tre anni di servizio militare e alcune missioni all’estero, nel 1999 compra il primo autobus ad uso privato per collegamenti Milano-Riccione a servizio del trasferimento dei ragazzi verso le discoteche della Riviera.
Inizia così, con la qualifica di Tecnico dei Trasporti Pubblici e Privati, la sua attività imprenditoriale che oggi conta circa cinquanta autobus.

Marco POLONI

Marco Poloni è nato a Monza e vive a Cologno Monzese, è sposato e ha tre figli. È amministratore unico di una società immobiliare. Già consigliere comunale della sua Città, oggi è vicesegretario provinciale di Grande Nord e Segretario Provinciale Martesana per lo stesso movimento.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Italia, Paese vecchio da cui fuggire. La secessione dei giovani che scappano per lavoro

Articolo successivo

I nuovi poveri? Quelli in attesa della cassa integrazione, gli autonomi e i precari