SENZA LAVORO SI SUICIDA, POI ARRIVA L’OFFERTA DI UN POSTO

di GIORGIO CALABRESE

Da circa sei mesi era senza un lavoro fisso e ormai non trovava più neppure sistemazioni saltuarie. Un situazione che gli pesava tanto, da spingerlo a farla finita. Così, l’altra mattina, un manovale di 53 anni, Salvatore Bua, disoccupato, si è suicidato nella sua abitazione a Gravina di Catania. Un gesto estremo reso ancora più drammatico da un’improvvisa telefonata arrivata ieri, mentre i familiari vegliavano la salma in casa: era un’impresa edile che gli offriva un posto in un cantiere. Da tempo Salvatore Bua aveva paura di non farcela, di restare fuori del mondo produttivo. Martedì, probabilmente dopo una notte travagliata, piena di pensieri cupi, si è alzato presto nella sua casa, al primo piano di un edificio di via Ercole Marelli, ed è andato in bagno. Si è annodato al collo un laccio e del filo elettrico e si è impiccato. Sua moglie non lo ha sentito tornare a letto. Dopo un pò di tempo, notandone l’assenza, la donna si è alzata e si è recata in bagno, e ha fatto la scoperta. È stata la moglie a raccontare ai carabinieri della compagnia di Gravina di Catania, intervenuti sul posto, quello che era accaduto e a svelare il motivo del gesto: il marito era depresso perchè non riusciva a trovare lavoro. L’uomo ha lasciato la moglie e tre figli: una femmina, sposata, e due maschi di 18 e 24 anni, quest’ultimo è tornato ieri dalla Svizzera, dove lavora. Per i carabinieri e la Procura di Catania non ci sono dubbi sulla dinamica dell’accaduto e sul movente, e così la salma è stata subito restituita ai familiari.

E mentre in casa c’era un via vai di parenti, amici e conoscenti affranti dal dolore è arrivata una telefonata che ha reso l’atmosfera più tragica: era del responsabile di un cantiere edile che cercava Bua per offrirgli un lavoro. La moglie, tra le lacrime, avrebbe risposto all’impresa: «perchè non avete chiamato prima…». «Gli effetti della crisi economica, purtroppo, si manifestano nel modo più terribile», ha commentato il sindaco di Gravina di Catania, Domenico Rapisarda. «Quella che è accaduta – ha aggiunto – è una tragedia che tocca tutta la nostra comunità».

Il dramma di Bua è diventato pubblico lo stesso giorno in cui una protesta sul tema è stata attuata a Catania dall’associazione Spazio libero Cervantes che ha deposto piu di «100 croci con i nomi delle persone che dall’inizio del 2012 si sono suicidate a causa della crisi» davanti la sede della Serit, l’agenzia di riscossione tasse per la Sicilia.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

IL PDL SI SVEGLIA CONTRO LA MINETTI: E' COME CICCIOLINA

Default thumbnail
Articolo successivo

BRUNETTA, TESTIMONIAL DEL FORUM DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE